breaking news

Autunno in Barbagia, Sardegna non solo mare

ottobre 30th, 2009 | by Red
Autunno in Barbagia, Sardegna non solo mare
Arte & Cultura
0
Spread the love

Questa volta ci siamo, pare che l’idea di  creare la manifestazione chiamata Autunno in Barbagia stia sortendo gli effetti desiderati, e cioè innescare  un certo grado di interesse turistico verso le zone  più interne della Sardegna, un elemento di continuità con la stagione estiva. Certo e vero, se la Sardegna è oggi  una meta turisitca lo si deve alla fama delle sue spiagge, ma in quesa sede bisogna ribadire che se l’ isola è  candidata ad esere  meta per tutte le stagioni questo va legato  all’esistenza di un patrimonio ambientale storico e culturale  di altissimo livello che risiede  al suo interno; non fosse altro  perchè i sardi  già dal medio evo e fino a 50 anni fà stavano ben alla larga dalle coste, salvo alcune eccezioni (Cagliari, Bosa, Castelsardo e pochi altri luoghi).

Detto questo, esiste  un mercato di riferimento che ama o vorrebbe amare  o amerà  una vacanza  alternativa: lenta, rigenerativa fatta di passeggiate, degustazoni  e incontri con uomini e donne locali , che siano pastori artigiani o semplici abitanti di questi bei borghi remoti del centro Sardegna, così lontani ma tanto tanto vitali . Naturalmente non si può nascondere che la globalizzazione è arrivata fin qui sul Gennargentu: il telefonino, il Moncler,  le Adidas , ma quello che è rimasto intatto e il sentimento della gente, il rispetto per l’uomo  e il rispetto pro s’istranzu ( leggi forestiero).

Il turista la prima cosa che percepisce al suo arrivo in Barbagia è il calore della gente, pronta a dare indicazioni, ad offrire un caffè o unu “ziccu e abbardente“. Tutte le Settimane durante tutto l’Autunno, alternodosi tra loro, i laboriosi paesi del Gennargentu, trasformano il loro centro storico  in un grande mercato, si aprono le case e le cantine, e si  offre, si vende e si espone  una vasta gamma che risulta essere la produzione artigianale e agroalimentare di  un  popolo di  montagna, composto da  tanti pastori, sarti, coltellinai, salumieri e fornai contadini, boscalioli  e tutte le altre attività laegate al territorio.

Naturalmente l’enorme patrimonio ambientale fatto di boschi secolari, cime montuose, colline ricche di vigneti e noccioli, castagneti unite al patrimonio archeologico molto peculiare  rappresentano delgi attratori molto forti,  abili a giustificare una  vacanza alternativa e sostenibile.  All’interno del portale www.barbagiaospitale.com sarà possibile trovare gli strumenti per oraganizzarsi un soggiorno in questi territori.

Foto | SardegnaTurismo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *