breaking news

Le isole del mito

giugno 27th, 2011 | by Red
Le isole del mito
Puglia
0
Spread the love

Adagiate in uno splendido mare dalle mille sfumature del turchese, le isole Tremiti, sono tre perle del mare Adriatico, incantevoli e sorprendenti in ogni periodo dell’anno.
San Nicola, San Domino e Caprara, sono le tre isole, piccole, ma di grande suggestione, che insieme allo scoglio disabitato del Cretaccio e alla più lontana Pianosa, formano l’arcipelago delle Isole Tremiti a largo del Gargano, entrato nel mito, grazie a Diomede, sbarcato qui per morire, come dimostra una tomba tra i lentischi, rinvenuta a San Nicola.
Sono conosciute come le Diomedee, in ricordo dell’eroe greco, che vi giunse dopo la guerra di Troia, lasciando in eredità il suo nome ai grandi uccelli, in cui secondo leggenda, furono trasformati i suoi compagni.
Le berte maggiori, dette appunto diomedee, nidificano tra le scogliere dell’isola di San Domino, alimentando il mito, con i loro versi simili a dei lamenti.
Conosciute fin dal Neolitico, divenute leggendarie ai tempi di Omero, furono utilizzate dai Greci come testa di ponte negli scambi commerciali con il Gargano, prima di diventare luogo di confino per i Romani.
Sembra sia del IV secolo, la prima chiesa sull’isola di San Nicola, poi sostituita nel IX secolo, da un altro luogo di culto voluto dai monaci benedettini di Montecassino.
Quest’isola, è un vero museo a cielo aperto. Oltre il paese, sorge la fortificazione, che con le sue feritoie, i torrioni, i fossati, e le possenti mura, protegge l’abbazia di Santa Maria a Mare, splendido edificio dalla facciata quattrocentesca in pietra di Bisceglie. Nella navata maggiore, spicca un bellissimo mosaico pavimentale; al centro del chiostro, si ammira il pozzo medievale con l’effige di Diomede.
Dopo la visita al villaggio fortificato e al santuario, si può prendere il sentiero che tra i profumi inebrianti della vegetazione, conduce al cimitero.
Un vasto bosco di pini d’Aleppo, che pare sia stato piantato dai religiosi, si spinge fino al mare; si racconta che ad ogni peccato commesso, piantassero un pino. Data la sua estensione non è difficile immaginare quanto fosse difficile per i monaci, resistere alle tentazioni.
L’isola di San Domino, la più grande, vanta la più alta concentrazione di hotel, case vacanze e campeggi dell’arcipelago, grazie anche alla presenza dell’unica striscia di sabbia delle Tremiti: cala delle Arene.
Anche quest’isola è percorribile a piedi; qui una piacevole passeggiata, attraverso un sentiero ben segnalato, conduce alle baie più belle.
Dalla Ripa dei Falconi, la vista abbraccia un panorama a perdita d’occhio, fino alla Maiella. Nella costa frastagliata, si aprono numerose cale e grotte, tra cui la più suggestiva, è la grotta delle Viole, nell’omonima cala, bagnata da limpide acque turchesi.
Tra le calette raggiungibili a piedi, oltre a quella dei Benedettini, c’è cala Matano, immersa in un’atmosfera di tranquillità e silenzio, nota perché vi si affaccia la casa di Lucio Dalla.
Splendida anche cala dei Turchi, sull’isola di Capraia, raggiungibile in barca.
Prenota hotel e case in affitto per una vacanza indimenticabile tra queste perle dell’Adriatico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *