breaking news

Alla BIT va in scena anche l’importanza del turismo per il lavoro a Milano

febbraio 27th, 2012 | by Red
Alla BIT va in scena anche l’importanza del turismo per il lavoro a Milano
#Sapevatelo
0
Spread the love

Anche quest’anno la BIT (Borsa Italiana del Turismo) di Milano, svoltasi dal 16 al 19 febbraio, ha rappresentato sia un momento di analisi che riflessione uno sguardo al futuro dell’industria turistica italiana. In particolare, in rapporto alla specificità del territorio meneghino, si sono tirate le somme di un settore che sta diventando sempre più rilevante per quanto riguarda il mondo del lavoro a Milano.

Presenti all’inaugurazione della fiera vi erano le principali figure del mondo dell’economia e dell’industria turistica italiana, tra cui Emma Marcegaglia, presidente di Confindustria, Pietro Gnudi, ministro degli Affari Regionali, Turismo e Sport, e l’assessore al turismo della provincia di Milano, Stefano Bolognini, il quale ha dichiarato che “Nonostante la crisi, il turismo a Milano tiene”.

Non sono però soltanto le parole di Bolognini a portare conforto a chi cerca lavoro in provincia, ma anche e soprattutto i dati, che parlano di un incremento del 7 per cento per quanto riguarda gli arrivi, e del 6.6 per cento nelle presenze negli ultimi sei mesi del 2011, con un netto incremento (14%) negli arrivi degli stranieri.
Sono inoltre anche le 842 persone registrate al bando della provincia di Milano per l’abilitazione alle professioni turistiche a testimoniare l’importanza di questo settore per coloro che vogliono trovare lavoro a Milano.

I dati, che sono frutto soprattutto di un aumento nel turismo di lusso (soggiorni in alberghi a 4 e 5 stelle), non servono dunque soltanto da conforto ai tanti ancora in cerca lavoro, ma potranno rappresentare un nuovo punto di partenza e donare ulteriore consapevolezza al settore turismo, da sempre una delle industrie italiane di maggior successo e più riconosciute a livello internazionale.

Alla BIT erano infatti presenti come espositori ben 120 paesi stranieri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *