breaking news

Vacanze di Pasqua nel meraviglioso Parco Nazionale del Gran Paradiso

febbraio 20th, 2010 | by Red
Vacanze di Pasqua nel meraviglioso Parco Nazionale del Gran Paradiso
Valle d'Aosta
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Chi ama l’inverno e , con la primavera alle porte, ha nostalgia del freddo e della neve, può approfittare delle vacanze di Pasqua, per trascorrere del tempo in alta montagna, dove anche se a valle cominciano a far capolino le prime gemme e la natura si risveglia ridente, le vette sono ancora coperte da un persistente manto bianco e il clima è ancora rigido.

Il Parco Nazionale del Gran Paradiso offre nel periodo di Pasqua, panorami particolarmente suggestivi e meravigliosi paesaggi, dove il verde e i colori dei prati e il bianco delle cime innevate, che dall’alto dominano sulle conche sottostanti, danno vita ad uno splendido contrasto.
Boschi di larici si estendono a fondovalle, dove è facile trovare anche abeti rossi, pini cembri e più raramente l’abete bianco, mentre una varietà di ambienti acquatici, umidi e rocciosi caratterizzano tutto il territorio.

Gli animali che vivono nel Parco, con l’arrivo del tepore primaverile e al risveglio dal lungo letargo invernale, scendono verso i campi per brucare la prima erbetta e per cercare i primi germogli, lasciandosi ammirare in tutta la loro bellezza.
Stambecchi, caprioli, camosci, cervi, scoiattoli, cinghiali e tante altre specie, vivono in questo ambiente protetto e non hanno paura dell’uomo, perciò si lasciano avvicinare quasi fino a farsi accarezzare, per poi correre liberi nella natura incontaminata di questo eden, regalando emozioni uniche e davvero indescrivibili.

Giornate tranquille, da trascorrere nella pace di un posto incantato, a diretto contatto con la natura,  potranno concludersi in un accogliente e caldo rifugio alpino, gustando una deliziosa cena a base di polenta e vino, per un soggiorno al freddo, che però scalderà il cuore.

Foto – www.tripwolf.com/…/

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *