breaking news

Il Carnevale di Todi nato nel 1275

febbraio 5th, 2009 | by Red
Il Carnevale di Todi nato nel 1275
Carnevale
1
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Il Carnevale di Todi è uno dei più fantastici e creativi dell’Italia centrale perché ha sia carri che portano all’antichità e sia carri più tecnologici e moderni. Il primo Carnevale svoltosi in questa città risale al 1275. Da qualche anno a Todi si fa un carnevale un pò speciale chiamato “Carnevalandia”. Questa festa è organizzata dal Circolo Culturale Sportivo di Ponte Rio e l’Unione Commercianti ed Artigiani di Ponte Rio e Pian di Porto.

I carri allegorici, protagonisti del carnevale, sono costruiti con cartapesta e creta da persone specializzate in questo lavoro e da altre che lo fanno per puro divertimento e si svolge nei giorni 31 gennaio e 1 febbraio, e poi ogni sabato e domenica a seguire, fino al 24 febbraio. Ci saranno varie manifestazioni, sfilate, spettacoli di danza, il Carnevale medioevale e il Veglioncino dei bambini. Il Carnevale che si svolge a Todi rappresenta il Medioevo. Nei giorni che precedono la festa tappezzano la via per trasformarla come una strada del Medioevo con oltre 200 stendardi. Le persone si travestano da mercanti, da soldati, da venditori vocianti, trasformando così il paese di Todi in una vera e propria città medievale. Ci sono oltre 300 figuranti che sfilano in costume e danno vita a spettacolari scene medioevali con battaglie combattute da esperti maestri dell’arme, sbandieratori, giostre di cavalli, arcieri con frecce di fuoco e giochi.

Il dolce carnevalizio che fanno di più in Umbria sono gli strufoli, anche se sono originari della Campania. Ma l’Umbria ha acquisito questa tradizione napoletana proprio nel periodo di carnevale.
Todi sorge su una cima di collina che si affaccia sulla valle del Tevere, in provincia di Perugia. E’ conosciuta perché l’hanno soprannominata “La Città più vivibile del Mondo”. E’ una città etrusca, fondata dagli umbri nel VII secolo a.C. Nel 340 a.C. divenne una città romana e gli fu dato il nome di “Colonia Julia Fida Tuder”. Fu il rifugio di Garibaldi, dopo la disfatta della Repubblica Romana.

Grazie alla sua immensa storia, Todi ha molti monumenti che i visitatori possono vedere se ci vanno in vacanza o proprio nel periodo di carnevale, come la Cattedrale di Santa Maria Assunta, la Roccia fatta per volontà di Papa Gregorio IX nel 1373, il museo civico, un teatro che è stato costruito nel 1872 e il carcere di San Cassiano.
Le strutture ricettive di Todi sono molteplici e tutte ad un prezzo accessibile. Chi vuole andare a Todi nel periodo di Carnevale può alloggiare all’Europalace hotel, gestito dall’innovativa e giovane società “La Fabbrica delle Vacanze”, oppure nei numerosi alberghi e bed & breakfast.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

One Comment

  1. ortis says:

    è proprio vero le citta italiane sono piene di belle usanze e tradizioni!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *