breaking news

Vaneze per il Ponte dell’Immacolata

dicembre 4th, 2008 | by ViaggioMania
Vaneze per il Ponte dell’Immacolata
In montagna
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

E’ imminente il famoso 8 Dicembre, meglio conosciuto come: “Ponte dell’Immacolata”. Oltre alle numerose visite ai mercatini natalizi, questa ricorrenza offre uno spunto anche a quei vacanzieri che hanno deciso di cimentarsi nello sport dello sci. Vaneze, appunto, è il centro più importante del Gruppo del Bondone e sono tante le offerte per settimane bianche e vacanze o semplici week end neve.

D’inverno, le ondulate groppe del Bondone sono solcate da sciovie, slittovie, seggiovie, che facilitano agli sciatori il compito di salire sui dossi per poi precipitarsi in inebbrianti volate giù per le chine nevose. In primavera e d’estate, invece esso è meta di numerosi villeggianti e, inoltre, di gitanti, che arrivano su la domenica coi pacchetti del “mangiare” e che, trovato un bel posticino al fresco, magari presso una sorgente, godono qualche ora in pace.

C’è anche chi sale al Bondone per fare “bagni di fieno” per le sue vaste distese prative del monte, infatti danno un fieno profumato che, fa bene agli ammalati di reumatismi. Ci sono poi gli amatori della flora, e a questi il Bondone offre, in un giardino Botanico e in un Orto Sperimentale, la vista dei suoi più rari e leggiadri prodotti. E infine, ecco per gli alpinisti buoni rifugi e ottime cime. Le più importanti di esse sono il Palon e il Cornetto, dalle cui sommità si possono  godere panorami davvero eccezionali.

Anche una visita merita l’amata montagna Paganella, offre tutto; è una montagna che è giardino e, insieme, superba palestra di acrobazie alpinistiche d’ogni grado, con la sua parete strapiombante sulla Val d’Adige. Una montagna che è un belvedere fantastico, che è meta di sciatori e di turisti che amano passeggiare nei boschi o sostare sulla sponda di un laghetto; una montagna che è meta di famigliole che aspirano a pomeriggi felici, e di bimbi che possono correre liberi e senza pericolo per prati smaltati di fiori.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *