breaking news

Trento e i mercatini natalizi

novembre 28th, 2008 | by admin
Trento e i mercatini natalizi
Arte & Cultura
1
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Siamo entrati nel pieno del periodo natalizio, ed è anche una buona occasione per visitare i meravigliosi mercatini di Natale che offrono molte idee per i nostri regali. Nel contempo per chi volesse visitarli a Trento potrà anche visitare questa panoramica città. E’ nel Trentino-Alto Adige ed è situata sulla sinistra dell’Adige in una bella conca cinta da altri monti. Fondata dai Reti e più tardi occupata dai Galli Cenomani, con l’avvento di Roma, l’antica Tridentum fu dapprima spledidum municipium, poi colonia e, dal secolo IV, vescovile.

Dalla denominazione dei Goti passò sotto quella dei Longobardi e quindi dei Franchi. L’imperatore Ottone I la aggregò nel 952 alla Marca Veronese. Nel 1027 l’imperatore Corrado II il Salico fondò il principato vescovile di Trento dandolo in feudo al Vescovo Udalrico II e ai suoi successori. Soppresso e secolarizzato il principato nel 1801, la città venne nel 1303 sotto il dominio austriaco; successivamente venne bombardata nella seconda guerra mondiale danneggiando edifici pubblici e privati. Oggi, riparati, o ricostruiti.

Sono di notevole importanza e meritevoli di visita: il Castello del Buon Consiglio, costruito per residenza dei principi vescovi e restaurato dopo la redenzione. Consta di una parte più antica a nord, detta il Castelvecchio, risalente al secolo XIII, e di una più recente in stile rinascimentale, detta il Magno palazzo. Oggi è sede del Museo Nazionale. Altri monumenti notevoli sono: i palazzi pretorio (medievale), municipale (sec. XVI), Galasso o del Diavolo, Tabarelli; le pittoresche case Rella e Geremia di tipo veneto; il duomo romanico, con campanile del 1520 terminate in un ottagono con cupola settecentesca. Ha anche una  bellissima porta absidale che incorpora il Castelletto; le chiese di S. Francesco Saverio (barocca) di S. Maria Maggiore e di San Lorenzo (romanica) di S. Apollinare (romanica con sopraelevazione d’influenza gotica). Inoltre la quadrata torre Grande, la torre Vanga, la fontana di Nettuno, i monumenti a Dante ed a Alcide De Gasperi.

Trento vanta anche un ricco Museo di storia naturale, trasformato poi in Istituto interprovinciale per tutta la regione. Si ricordano inoltre le interessanti biblioteche: la comunale (arricchita dei codici recuperati della Palatina di Vienna), quella del capitolo della cattedrale e quella dei francescani, e del cospicuo archivio di Stato.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

One Comment

  1. natasha says:

    E’ un bellissimo articolo e la descrizione della città è molto dettagliata. Invogli a visitarla.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *