breaking news

Viareggio, non solo Carnevale nella capitale della Versilia

ottobre 19th, 2012 | by admin
Viareggio, non solo Carnevale nella capitale della Versilia
Carnevale
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Sarà pur vero che l’attribuzione di “capitale della Versilia” è errata per via dei confini molto più ristretti del territorio, fatto sta che Viareggio è una località famosa in tutto il mondo, non solo per il suo bellissimo Carnevale ma anche per le sue spiagge, la movida, la fervente vita culturale e, non ultime, la sua storia e la sua architettura baroccheggiante con sprazzi di Art Decò e Liberty.

Una città dunque, che offre spunti per una vacanza in qualsiasi momento dell’anno. Partiamo dunque dalla sua storia: fu fondata verso la fine del 1100 per volontà di lucchesi e genovesi come roccaforte per difendersi da Pisa. In seguito, siccome era l’unico sbocco verso il mare i lucchesi bonificarono la zona e costruirono la Torre Matilde, rimasta intatta fino ad oggi. Ma fu verso gli inizi del 1800 che”esplose” come destinazione turistica balneare, quando cioè la duchessa Luisa di Borbone fece costruire la prima darsena. Conobbe il suo massimo splendore nell’era napoleonica, con nuove costruzioni ancora oggi perfettamente conservate. Come i palazzi Belluomini e Bernardini, Villa Paolina e Villa Argentina, lo storico Bagno Balena o i magazzini Duilio 48.

In un posto così certo non manca modo di trovare una sistemazione: di hotel Viareggio ne ha davvero molti, situati soprattutto nella zona centrale della città. La scelta è davvero ampia sia per tipologia che per prezzo, ma si tratta comunque di strutture di qualità.

Entrando nei dettagli delle numerose attività culturali che fervono in ogni momento dell’anno c’è da sottolineare che i più importanti sono: il Premio letterario Viareggio Repaci, il Premio Viareggio Sport, il torneo mondiale Coppa Carnevale e il Festival Gaber, in memoria del noto artista scomparso nel 2003.

Poi c’è il Carnevale, sul quale vale davvero la pena spendere qualche parola in più: nato verso la fine del 1800 – come tanti altri carnevali che all’epoca volevano essere manifestazioni di dissenso contro i poteri forti – rappresenta una delle manifestazioni più suggestive d’Italia. Gli enormi e colorati carri di cartapesta sfilano sul lungomare di Viareggio applauditi da centinaia di migliaia di spettatori, tutti col naso all’insù a guardare questo o quell’altro personaggio del momento, in un clima di festa assoluta. Il carnevale viareggino è accompagnato da feste in maschera, canti e balli assolutamente sfrenati. Vale la pena andarlo a vedere almeno una volta nella vita per scoprire tesori di cartapesta attraverso i quali tornare un po’ bambini e volare con la fantasia così come fanno i maestri artigiani di tutto il mondo quando creano simili opere d’arte.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *