breaking news

Monteriggioni: un tuffo nel Medioevo

gennaio 26th, 2012 | by Red
Monteriggioni: un tuffo nel Medioevo
Toscana
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

 

Monteriggioni è un borgo fortificato nato come fortezza difensiva costruita dalla Repubblica di Siena tra il 1214 e il 1219 su una collina con una forma arrotondata. Tale fortificazione, fatta di 14 torri con pareti alte 10 metri, serviva per proteggere la Via Francigena, percorsa dai pellegrini in viaggio da Canterbury a Roma, ed ha resistito ai ripetuti assalti fatti dai fiorentini nell’XI secolo, giungendo quasi intatta fino ai giorni nostri. Le torri furono descritte da Dante come giganti incatenati intorno all’orlo del pozzo di Malebolge (Inferno canto XXXI vv.40-45).

Il borgo ha una forma pseudo ellittica con due porte di ingresso, la porta Franca (o Romea) che guarda verso Siena e che prende appunto il nome dalla Via Francigena, e la porta di sotto (o porta di San Giovanni), che guarda verso Firenze. Come già detto, Monteriggioni era, ed è tuttora, una tappa importante della via Francigena. I pellegrini moderni possono trovare ospitalità presso la pieve romanica di Santa Maria Assunta che si trova nella piazza principale del borgo.

Monteriggioni, a partire dalla seconda metà del secolo scorso si è trasformato da tranquillo borgo rurale, abitato solo da pastori e contadini in una meta turistica molto frequentata anche dal pellegrinaggio religioso.

Come si arriva a Monteriggioni

Monteriggioni è in provincia di Siena, a 14 Km dal capoluogo, mentre da Firenze dista 54 km. Per raggiungerla è consigliabile usare l’auto: partendo da Siena o da Firenze, si percorre la superstrada Siena-Firenze e si esce al casello di Monteriggioni. Prima di raggiungere il borgo ci sono alcuni parcheggi.

Consigli per la visita

Anche se la si può visitare in un solo giorno, è consigliabile passarvi almeno una notte, così si apprezzerà l’affascinante atmosfera che si crea quando i turisti sono andati via e si potrà bere un buon bicchiere di Chianti tranquillamente seduti in piazza. Non dimentichiamo che Monteriggioni è rinomata per i suoi vigneti ed ha una produzione vinicola di tutto rispetto.

La festa medievale

Durante i due fine settimana a metà del mese di luglio si celebra la festa medievale “Monteriggioni di torri si corona“, una delle più importanti d’Italia. E’ una rappresentazione che ricrea fedelmente le atmosfere medievali, con una sfilata di personaggi in costume, strumenti musicali dell’epoca e spettacoli con giullari e menestrelli.

Cosa vedere a Monteriggioni

Si può visitare la pinacoteca, mentre dal camminamento posto sulle mura si può ammirare lo stupendo panorama della circostante campagna senese. Da non perdere la chiesa romanica di Santa Maria Assunta.

Nei dintorni, a 4 Km da Monteriggioni, possiamo visitare il borgo di Abbadia a Isola, un abbazia benedettina fondata nel 1001 e ampliata nel 1376 quando venne fortificata per resistere agli assalti di Firenze. Il nome del luogo deriva dal fatto che un tempo l’abbazia fortificata era circondata tutt’intorno da paludi per cui sembrava essere situata su un’isola.

Curiosità

Monteriggioni è un luogo cult per i fans del videogioco Assassin’s Creed in cui il palazzo di Enzo Auditore, il protagonista, è situato appunto all’interno della città fortezza di Monteriggioni. I fans del videogame visitano a frotte questo borgo alla ricerca di Villa Auditore in cui, secondo il videogioco sarebbero nascosti oggetti segreti necessari per poter completare l’avventura.

Monteriggioni è stato una location per molti film. Tra i più importanti: Il principe delle volpi (1949) di Henry King con Tyrone Power e Orson Welles, Cari fottutissimi amici (1994) di Mario Monicelli, Io ballo da sola (1996) di Bernardo Bertolucci, Il paziente inglese (1996) di Anthony Minghella, Il Gladiatore (2000) di Ridley Scott.

Per ulteriori informazioni su un viaggio a Monteriggioni, su come raggiungerla e dove alloggiare, vedi il sito Viaggi in Italia

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *