breaking news

Firenze una visita tra monumenti e luoghi d’arte

novembre 5th, 2010 | by Red
Firenze una visita tra monumenti e luoghi d’arte
Arte & Cultura
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Moltissime sono le opere da visitare in Firenze. Importante città durante il periodo Romano, nell’Alto Medioevo alterna crisi e decadenza a periodi di floridità dovuti ai re Carolingi ed Ottoni. Dal 1215 la vita politica è dominata dalle lotte fra Guelfi e Ghibellini, ovvero fra gruppi sociali.

Negli anni a cavallo fra il 1300 diventa culla della cultura: qui sorge il Dolce Stil Nova in cui spicca la figura di Dante. I moti rivoluzionari dei Ciompi, nel 1379, porteranno alla restaurazione dell’oligarchia. La preminenza dei Medici porta un periodo di pace e tranquillità dopo gli scontri con i Visconti. Dopo il 14 la città diviene il più importante centro artistico dell’Occidente: molte opere affermano una nuova visione artistica, il Rinascimento.

Nel 1527 vengono cacciati i Medici e subentrano i Lorena i quali, animati da idee illuministiche, curano più lo sviluppo agrario e industriale della Toscana che quello di Firenze. Nel 1865 la città diviene Capitale d’Italia, e nel settenato che segue, vengono realizzati numerosi lavori urbanistici dovuti ai Poggi.

I voli per Firenze ci portano a visitare e scoprire tesori e luoghi unici al mondo. La visita di Firenze si potrebbe cominciare con Gli Uffizi, dove si possono ammirare le opere di Perugino (ritratto di Francesco delle Opere), Leonardo (L’Annunciazione e l’Adorazione dei Magi), Botticelli (La Calunnia di Apelle, l’Adorazione dei Magi), Michelangelo (La Sacra Famiglia), Raffaello (Il Ritratto di Leone X tra Cardinali), Sebastiano del Piombo (La Morte di Adone), Andrea del Sarto (La Madonna delle Arpie).

Vicino gli Uffizi è possibile visitare il Museo del Bargello che custodisce opere di Andrea del Verocchio (Dama col Mazzolino), Michelangelo (Bacco e Tondo Pitti). Non lontano vi è la Casa Buonarrotti che custodisce le opere e disegni di Michelangelo. Una sosta obbligata è quella alla Galleria dell’Accademia che custodisce le opere di Michelangelo: Davide, San Matteo, Lo Schiavo. Santa Maria Novella è la meta di tutti i turisti; custodisce la Natività della Vergine di Domenico Ghirlandaio e il Miracolo di San Filippo di Filippino Lippi.

Al di là dell’Arno, passando da Ponte Vecchio vi è Palazzo Pitti che custodisce opere di Raffaello (La Madonna del Baldacchino, Il Ritratto di Maddaleno Strozzi e il Ritratto di Agnolo Doni), di Perugino (Il Compianto su Cristo Morto). Ultima meta consigliata è San Lorenzo con la Sacrestia Nuova di Michelangelo e la Biblioteca Laurinziana (Sala Lettura).

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *