breaking news

Firenze, le sue piazze e le sue chiese

settembre 30th, 2010 | by Red
Firenze, le sue piazze e le sue chiese
Arte & Cultura
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Stai pensando di visitare la Toscana ed in particolare Firenze? Alloggiare in uno dei tanti bed and breakfast a Firenze, situati vicino ai luoghi di maggior interesse turistico, ti permetterà di visitare le bellezze della città in modo più agevole.

Numerose sono le piazze di Firenze, luogo d’incontro di turisti che si accingono alla visita dei maggiori monumenti della città:

Piazza Santa Croce: è una delle piazze più suggestive di Firenze. A forma rettangolare è una grande testimonianza del Medioevo in Italia. E’ dominata da importanti edifici come il Palazzo dell’Antella, il Palazzo Cocchi-Serristori, la bellissima basilica di Santa Croce. Quest’ultima contiene tombe e cenotafi di uomini illustri, tra cui Michelangelo, Galileo e Machiavelli.
L’interno spazioso è decorato dagli affreschi dipinti all’inizio del XIV secolo da Giotto e dal suo allievo Taddeo Gaddi.

Piazza della Signoria rappresenta il centro della vita civile di Firenze.
La piazza è raggiungibile a piedi in 10 minuti dalla stazione ferroviaria di Santa Maria Novella ed è annessa agli Uffizi, Palazzo Vecchio e Ponte Vecchio.

Le statue nella piazza commemorano i più importanti eventi della storia cittadina, molti dei quali collegati all’ascesa e alla caduta della Repubblica fiorentina, mentre una semplice lastra circolare vicino alla Fontana del Nettuno ricorda Gerolamo Savonarola, qui arso sul rogo.

Piazza Santa Maria Novella: è così chiamata perché si trova proprio vicino la stazione di Santa Maria Novella, in pieno centro storico a due passi dal Duomo di Firenze.

La chiesa di Santa Maria Novella conserva alcune delle più importanti opere d’arte della città. Fu edificata dai frati domenicani tra il 1279 e il 1357. La facciata, incompiuta, fu rifatta da Leon Battista Alberti (1456-70) accostando elementi romanici e rinascimentali. Il famoso chiostro Verde, con gli affreschi sulla Genesi di Paolo Uccello (1425-30), e il Cappellone degli Spagnoli, antica sala capitolare interamente ricoperta da pitture sull’ordine domenicano, sono ora un museo.

Buona visita!

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *