breaking news

Firenze e gli itinerari del vino

agosto 12th, 2010 | by Red
Firenze e gli itinerari del vino
Toscana
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Abbinare le indescrivibili bellezze di Firenze alle strade del vino toscano è un’esperienza unica nel suo genere, che rimarrà impressa nella mente dei turisti. I dintorni del capoluogo toscano si prestano a degli itinerari vinicoli avvincenti, in cui i vigneti sono i protagonisti principali.

Si potrebbero scegliere molti altri luoghi dell’amata Toscana per soggiornare durante i percorsi vinicoli. Tuttavia, scegliendo uno dei tanti hotel a Firenze, la distanza da colmare in automobile è minima. Il Chianti è il vitigno che ricopre le colline fiorentine, suggerendo percorsi memorabili.

Da Firenze, ad esempio, si può arrivare con l’automobile verso Scandicci e proseguire in direzione ovest. L’attraversamento della collina boschiva di Roveta merita già il “prezzo del biglietto”. Se poi si decide di proseguire costeggiando l’Arno, si arriverà a San Vincenzo a Torri. Il tratto per giungere a Lastra a Signa condurrà vicino a Malmantile, località famosa per la produzione artigianale e contornata dai vitigni del Chianti.

Un secondo percorso all’insegna del vino e della natura in generale riguarda, questa volta, riguarda Galluzzo, in direzione sud. Pochi chilometri ancora per dirigersi verso San Donato in Collina, e da lì fino alla frazione di Bombone. La scenografia di fondo è a dir poco suggestiva e il tragitto è percorribile sulle strade locali.

Un ultimo suggerimento riguarda un itinerario enogastronomico che dal capoluogo toscano si addentra verso Montagnana, fino a raggiungere la frazione di S. Quirico in Collina. Il tratto finale consigliato va verso Baccaiano. Oltre all’immancabile vite, si potranno ammirare le folte estensioni di ulivi, in cui sorgono residenze e ville storiche.

Altri itinerari che conducono alle vie toscane del vino portano nella provincia di Siena, contraddistinte dalle variopinte colline delle crete senesi.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *