breaking news

Divertimento assicurato con il Carnevale di Viareggio 2010!

gennaio 14th, 2010 | by Red
Divertimento assicurato con il Carnevale di Viareggio 2010!
Toscana
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Tutti coloro che amano il divertimento allo stato puro, potranno recarsi a Viareggio dove, come ogni anno, si apre il sipario di un particolare e straordinario teatro a cielo aperto,  in cui si svolgerà il Carnevale di Viareggio 2010.
Il 31 Gennaio e il 7, 14, 16, e 21 Febbraio, gli appassionati della frenesia, potranno giungere in questa città che da 137 anni vive e fa vivere il mito del carnevale.

Saranno protagonisti dell’evento i carri allegorici di carta pesta alti fino a 20 metri e le maschere coloratissime che riproducono le caricature dei personaggi più noti e toccano le tematiche più roventi  dei nostri giorni, come l’inquinamento, il razzismo, il consumismo, la violenza sulle donne e altri argomenti che affliggono la società moderna.

Il Carnevale di Viareggio, iniziato come espressione popolare, è andato assumendo, nel corso del tempo, una valenza turistica molto forte, infatti, ogni anno, richiama oltre 800.000 persone che assistono alla sfilata dei variopinti e festosi carri, costruiti da abili maestri che usano le tecniche costruttive dei grandi velieri, realizzati nei prestigiosi cantieri di Viareggio.
Le opere allegoriche, trasudano abilità e creatività di scultura e pittura apprezzate e conosciute nel mondo.
Questa grande attrazione dunque, oltre ad essere un evento popolare italiano, è una vera e propria vetrina dove vengono esposte le straordinarie capacità creative basate sulla ricchezza di antichi saperi di civiltà lontane.

Il carnevale è ovunque sinonimo di allegria, di folla briosa, di movimento scatenato, di colori, e in particolare quello di Viareggio è uno spettacolo straordinario che garantisce ai visitatori divertimento e momenti unici di spensieratezza assoluta.

Foto-www.tuscany-charming.it/it/newseventi/carneva..

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *