breaking news

Castelli medievali e resort in Toscana riuniti in un unico sito

aprile 9th, 2011 | by Red
Castelli medievali e resort in Toscana riuniti in un unico sito
Toscana
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Trovare un relais, una struttura ricettiva insolita e di lusso per le proprie vacanze oggi è più facile: grazie ad Internet esistono i portali specialistici che aiutano gli utenti nella selezione e nella prenotazione.

Il sito Relais Toscana nasce proprio con questo intento, radunare sotto l’ombrello dell’eccellenza e della qualità top i migliori resort in Toscana.
E’ importante che il turista, italiano o straniero (il sito è bilingue), possa consultare un ampio catalogo di hotel, affidandosi alla preselezione effettuata dallo staff del portale.

Così una delle regioni più richieste a livello turistico ha il suo punto di riferimento per le strutture di pregio: relais, maison de charme, boutique hotel, country house, castelli e residenze d’epoca sono le categorie di questa collezione esclusiva.
Naturalmente l’elenco è in costante aggiornamento, ma le alternative sono già soddisfacenti, quali che siano le esigenze dell’utente.

I castelli in Toscana, ad esempio, sono sempre molto ricercati: si tratta di roccaforti o altre fortificazioni restaurate, dotate di camere ampie e servizi moderni in armonia con l’originario stile architettonico.

Sul portale sono presenti anche offerte e pacchetti speciali e tutti i contatti dei relais per garantirsi le migliori condizioni di soggiorno, una serie di opportunità che chi ama i viaggi non dovrebbe sottovalutare.
L’Italia ha molto da proporre se pensiamo ai beni artistici, alle ricchezze enogastronomiche, alle aree incontaminate e alle testimonianze di epoche lontane.

La Toscana, in particolare, offre molti reperti d’età medievale, e prenotare alcuni giorni presso una villa in campagna o una residenza ristrutturata costituisce di per sé un’esperienza unica, da regalare o regalarsi in qualunque momento dell’anno.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *