breaking news

Vacanze in Sicilia

settembre 19th, 2011 | by Red
Vacanze in Sicilia
Sicilia
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

La tendenza all’esterofilia, si sa, è molto diffusa negli italiani a dispetto di un territorio fra i più ricchi del mondo, in proporzione all’estensione della penisola, e tra le mete più ambite dal turismo internazionale.
Eppure gli italiani prediligono mete esotiche, capitali dell’Est, destinazioni orientali o isole tropicali.
L’obiettivo di “visitare il mondo” e “vedere posti lontani” conserva ancora quell’appeal che un viaggio nel proprio paese difficilmente può contrastare; certo, l’idea è dura da sconfiggere, ma di certo un’isola come la Sicilia e gli arcipelaghi che la circondano, di appeal, ne hanno in abbondanza.

La scelta di promuovere il binomio “Sicilia Vacanze” può essere considerata senza riserva alcuna, una scelta trasversale, poiché investe qualunque tipologia di turista e può soddisfare ogni tipo di esigenza.

Cultura. L’isola siciliana è stata teatro delle battaglie tra le più feroci della storia, a partire dalle guerre puniche, greche, cartaginesi, attraverso le dominazioni che subisce una città come Palermo per giungere fino alla spedizione dei mille di Garibaldi; vicende che lasciano un solco profondo nel territorio, che rivela oggi, a distanza di millenni, un capitale storico e culturale impareggiabile.
La storia più antica nei siti archeologici di Selinunte, Agrigento, Ragusa, Siracusa, Segesta e così via; mix di culture che vanno dalle fondazioni puniche ai Savoia d’Italia, passando per Arabi, Normanni, Svevi, Angioini, Spagnoli, si trovano a Palermo sparsi in ogni angolo del centro storico più esteso d’Europa; addirittura villaggi preistorici nelle isole di Filicudi, Alicudi, Lipari.
Di certo non v’è posto al mondo che la Sicilia possa invidiare sotto questo aspetto.

Mare. I litorali siciliani offrono ogni tipo di soluzione, da spiagge di sabbia, di ghiaia, scogli, faraglioni, riserve marine, fondali bassi, profondi, calette, insenature, grotte subacque e chi più ne ha più ne metta.
Larghe spiagge a Marinella di Selinunte, che tra l’altro offre una possibilità unica al mondo: vivere un tramonto sulla spiaggia vedendo il sole che si addormenta alle spalle dell’Acropoli della città antica. Commovente.
E che dire della Riserva Naturale dello Zingaro, con fondali ricchi di una fauna impressionante per varietà e unicità, con un’acqua talmente limpida da consentire la vista di fondali anche a diversi metri di profondità.
Inoltre per soggiornare in prossimità di questi luoghi, potrete trovare i migliori Bed and Breakfast San Vito lo Capo.
Scenari mozzafiato nell’agrigentino, la Scala dei Turchi, una parete rocciosa di natura calcarea e argillosa, presentata dal comune di Realmonte all’Unesco per essere inserita tra i Patrimoni dell’Umanità.
Anche questo aspetto vede, e non poteva essere altrimenti, la Sicilia abbondantemente preparata.

Parchi Naturali e montagne. Un territorio che per estensione è pari circa a quello del Belgio possiede ben quattro parchi naturali: il Parco Fluviale dell’Alcantara, il Parco Naturale dei Nebrodi, il Parco Regionale delle Madonie e il Parco Naturale dell’Etna.
Tutti i parchi citati ospitano una biodiversità importante, musei, sentieri, ippovie. Naturalmente agriturismi nella zona che propongono una gastronomia sicuramente da primato, maestose montagne e anche qui una storia tutta da scoprire.
Particolare menzione, per ovvie ragioni, merita il Parco dell’Etna, con il vulcano in attività più grande d’Europa, istituito nel 1987 e presenta sentieri per trekking, stazioni sciistiche e attrattive di ogni tipo.

Sull’isola e sulla possibilità di passare le proprie Vacanze in Sicilia ci sarebbero fin troppe cose da dire; la magia del territorio si percepisce fin dalle prime battute, il calore degli abitanti è travolgente, le storie e le leggende la rendono unica e affascinante. Non per nulla, illustri personaggi come Goethe, Thomas Mann, Dante Alighieri, hanno sempre sostenuto, che in Sicilia, risiede la chiave del nostro Paese.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *