breaking news

Vacanza a Catania, alla scoperta della Biblioteca Ursino

aprile 4th, 2013 | by Red
Vacanza a Catania, alla scoperta della Biblioteca Ursino
Sicilia
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Recentemente ha fatto notizia la storia della tenace e dedita Rita Carbonaro, direttrice nonché ormai unica dipendente della storica Biblioteca Ursino Recupero di Catania. Ente morale risalente al 1115 con un patrimonio inestimabile di oltre 250mila volumi – nonché patrimonio Unesco dal 2002 – la biblioteca rischia di chiudere, dato che a finanziarla è il Comune di Catania, continuamente sull’orlo del dissesto economico.

Nel tentativo di salvare questa istituzione culturale, la direttrice provvede ormai a tutto, svolgendo lavori di catalogazione, ricevendo i lettori, e occupandosi persino delle pulizie, nonostante l’ultimo stipendio percepito risalga a più di un anno fa. E non è tutto. Per sostenere le spese, ha dato vita ad una utile iniziativa: le visite guidate nella biblioteca, che peraltro è ospitata da uno splendido complesso monumentale, il Monastero dei Benedettini, uno dei più grandi in Europa, secondo soltanto a quello di Mafra, in Portogallo.

Così, valorizzazione e sensibilizzazione di turisti e cittadini hanno fatto incassare finora circa 1800 euro. Un motivo in più dunque per visitare Catania potrebbe essere proprio quello di contribuire alla salvaguardia del suo patrimonio culturale, oltre che godere delle sue bellezze naturali, nonché assaporare le sue specialità culinarie.

Si può approfittare dei voli low cost che siti web ed agenzie propongono tutto l’anno, e trascorrere una splendida vacanza in questo incantevole scorcio di Sicilia.

Monastero dei Benedettini e Biblioteca Ursino

Il Monastero di San Nicolò l’Arena, del 1558, sorge nel centro storico e oggi è sede della Facoltà di Lettere dell’Università degli studi di Catania ed ospita convegni, mostre ed eventi culturali. I visitatori possono ammirare numerose bellezze come l’altare maggiore all’interno della chiesa e la grande meridiana di Waltershausen e Peters, lunga ben 39 metri.

L’antico refettorio, oggi Aula Magna della Facoltà, presenta nel suo tappeto centrale di maioliche dipinte a mano, un tocco di originalità e conserva una splendida volta affrescata. All’interno del complesso sorge la Biblioteca Ursino, oggi a rischio di imminente chiusura.

Dotata di una grande sala, la sala Vaccarini, dalla volta affrescata e dal caratteristico pavimento napoletano in maiolica, conta una grandissima raccolta di antichi volumi, disposti sugli scaffali secondo criteri rimasti invariati dal settecento. Tra le opere, pezzi rari di inestimabile valore, come la Bibbia decorata in oro di Pietro Cavallini, una delle cinque più belle al mondo, una copia di Dante risalente al quattrocento e il libro di teoretica musicale medievale, studiato in tutto il mondo.

L’Etna

Che dire dell’Etna, vulcano in continua attività che regala spesso spettacoli suggestivi? Forse ancora più affascinanti in inverno, quando l’arancio vivo della lava incandescente dà vita a meravigliose colate che scivolano sul bianco candido della neve, creando così un magnifico un contrasto.

E poi al calar della sera, piccole e continue eruzioni danno origine a zampilli di fuoco alti centinaia di metri che illuminano il cielo di Catania, in uno scenario davvero unico ed emozionante. Prenotare subito un viaggio, cercando sul web tra le offerte voli Catania, significa anche assistere ad uno spettacolo naturale come questo, unico al mondo!

La cucina catanese

Gustosa e ricca di piatti popolarissimi, la cucina catanese è famosa soprattutto per la sua pasta alla Norma ( in onore dell’omonima opera di Vincenzo Bellini). Preparata con pomodoro, melanzane fritte, ricotta salata grattugiata e basilico è una specialità tutta da assaporare!

Altrettanto nota e apprezzata è la pasta ‘ncaciata, condita con cavolfiori rosolati con della cipolla e arricchiti con acciughe salate e olive, poi mantecata in padella, secondo la tradizione, con caciocavallo grattugiato.

Queste solo alcune delle tante prelibatezze che potrete gustare nei ristoranti della città, in un viaggio tra antichi sapori, tutti da riscoprire.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *