breaking news

La verde Palermo

ottobre 9th, 2012 | by Red
La verde Palermo
Sicilia
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Palermo è una città che ha sempre amato il verde e gli spazi pubblici. Sin dal tempo della dominazione araba i giardini di Palermo sono sempre stati rigogliosi e ben curati.

Oggi la città si presenta come una delle metropoli più verdi  ed offre ai visitatori diversi luoghi da visitare nei quali entrare in contatto con la natura. Pernottare in un bed and breakfast a Palermo centro è un ottimo modo per scoprire la città anche a piedi ed evitare i mezzi pubblici o di usare la macchina.

La Zisa

Il nome le deriva dal termine fenicio Ziz, fiore. È stato inaugurato nel 2005 e copre lo spazio dell’antico parco di Caccia (Genoard) di fronte al Palazzo della Zisa per circa 30.000 m2.

Parco Riserva della Favorita

Venne realizzato, come riserva di caccia col nome di “Real Parco della Favorita” nel 1799 da Ferdinando III di Borbone durante il suo esilio siciliano in seguito all’espansione napoleonica in Italia.

Villa Malfitano

Venne fatta edificare da Joseph Whitaker  fra il 1886 e il 1889, presenta un  giardino che copre una superficie di circa 5 ettari. Custodisce piante provenienti da tutto il mondo.

Orto Botanico

Fu aperto al pubblico nel 1795 e, con un’estensione di circa dieci ettari, è il più grande d’Europa. Diverse sculture completano la meraviglia del luogo già donata dalle maestose e rigogliose piante.

Parco D’Orleans

È parte della Villa d’Orleans, che oggi ospita la Presidenza della Regione Siciliana, e venne edificato a metà del XIX secolo. Ampliato nel corso degli anni è stato dedicato il 6 agosto 2010 a Ninni Cassarà, il commissario di Polizia ucciso dalla Mafia.

Villa Trabia

Accanto alla bella residenza Settecentesca è sito un secentesco parco che presenta due zone divise da un dislivello naturale e collegate da un ponte in stile barocco, presentano serre ed una secentesca fontana.

Giardino Inglese

Fu creato a metà del XIX secolo da Filippo Basile. Presenta statue, diversi esemplari di palme e numerose piante esotiche.

Villa Giulia

Il nome è dovuto a Giulia d’Avalos, la moglie di Nicolò Palma, il viceré che la fece realizzare nel 1778. Custodisce al suo interno numerose opere d’arte.

Villa Garibaldi

La zona in cui sorge, in passato, è stata adibita agli scopi più disparati e, dopo l’unità d’Italia, è stata sistemata a giardino su progetto di Filippo Basile.

Villa Bonanno

Il nome Bonanno è quello del sindaco che, ad inizio XX secolo, la sistemò a giardino. Al suo interno resti di epoca romana e differenti sculture.

Foro Italico

detto anche Passeggiata della Marina è un’area verde che forma uno dei lungomare di Palermo.  La sistemazione a giardino risale al 2000 e copre circa 40.000 m2.

Giardino della Memoria

È stato istituito nel 2005 e copre una superficie di circa 25.000 m2 nella frazione di Ciaculli. È dedicato  a tutti i caduti nella lotta contro la mafia.

Un percorso del verde a Palermo richiede, data la quantità degli spazi da visitare, una permanenza nella bella capitale siciliana. Palermo, sul versante dell’ospitalità, è una città all’avanguardia capace di soddisfare le esigenze di tutti i visitatori grazie a numerose e variegate strutture. Per farsi un’idea della quantità di strutture che la città offre basta cercare sul web b&b a Palermo, hotel o agriturismo in Sicilia a Palermo per avere l’imbarazzo della scelta.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *