breaking news

La Camera dello sguardo, fotografie italiane degli ultimi 60 anni

febbraio 16th, 2010 | by Red
La Camera dello sguardo, fotografie italiane degli ultimi 60 anni
Arte & Cultura
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

C’è tempo fino al 21 Marzo per recarvi a Palermo, dove vi aspetta un’interessante rassegna, che racchiude alcuni degli scatti dei più apprezzati fotografi italiani, “La Camera dello Sguardo- Fotografi Italiani”.

Si tratta di una mostra fotografica promossa dalla Provincia di Palermo, organizzata da Civita Sicilia, nata da un progetto di Incontri internazionali d’Arte e curata da Achille Bonito Oliva, in cui sono esposte suggestive fotografie, scattate da 29 illustri autori italiani come Gabriele Basilico,  Oliviero Toscani,  Ugo Mulas, Franco Fontana, Lia Pasqualino, Beatrice Pediconi, Dino Pedriali, Paolo Pellegrin, Marialba Russo, Paola Salerno ed altri ancora.

Un’emozionate panoramica di toccanti immagini, con una carrellata di scatti che vanno dagli anni ’50 ad oggi, attraverso un excursus di luoghi, volti, epoche, pensieri e solitudini, uniti in una sintesi complessa, rappresenta lo stile della fotografia italiana, in cui è costante la ricerca di canoni tipici come la simmetria, la proporzione e l’armonia, dando vita ad un affascinante connubio tra fotografia ed arte, riconosciuto e assai stimato a livello internazionale.
Una descrizione della fotografia italiana di ieri e di oggi, che racconta le tendenze, i caratteri, i cambiamenti di una complessa realtà storica e sociale, immortalati e fissati per sempre nel tempo in oltre 90 scatti, che toccheranno i più vari temi e soggetti, dal paesaggio urbano a quello naturale, dai ritratti ai reportage sociali e tanto altro ancora.

“La Camera dello Sguardo” è stata allestita presso Palazzo S. Elia e potrà essere visitata gratuitamente dal martedì alla domenica, dalle 9 alle 13 e dalle 16 alle 19.30.

Foto – www.provincia.palermo.it/pls/provpalermo/V3_S…

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *