breaking news

Giardini Naxos, non solo mare

maggio 16th, 2012 | by Red
Giardini Naxos, non solo mare
Sicilia
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Se state progettando le vacanze estive, un’ottima scelta è Giardini Naxos.

Il comune, in provincia di Messina, infatti è una meta ideale per trascorrere le vacanze in Sicilia coniugando, oltre al mare, anche la natura, la cultura e la gastronomia.

L’acqua è cristallina e, per gli appassionati, è possibile anche effettuare escursioni subacquee.

Da non dimenticare, infine, la possibilità di scoprire una meraviglia della natura, le Gole dell’Alcantara, un autentico spettacolo che si presterà ad incantare i vostri occhi.

Giardini Naxos è un ottimo punto di partenza per chi vuole esplorare l’Etna, il maestoso vulcano che domina la Sicilia, che a breve distanza dal mare vi permette di effettuare escursioni e trekking.

Giardini Naxos è anche arte e cultura. Qui si trovano, infatti, le rovine dell’antica città di Naxos. Il territorio, abitato sin dal neolitico, vide sorgere, secondo la tradizione nel 734 a.C.,  la prima colonia greca di Sicilia, La polis ebbe un notevole sviluppo sino alla sua distruzione nel 403 a.C., per opera di Dionigi di Siracusa. Secondo la leggenda, i superstiti, nel 358 a.C., fondarono Tauromenion, l’odierna Taormina.

Ma la città offre anche altro:

Il Museo archeologico sorge addossato ai resti di un fortilizio del XVII-XVIII secolo e custodisce i reperti relativi al territorio sin dall’epoca preistorica;

Il Museo di storia naturale;

La Chiesa di Maria SS. Raccomandata (XVIII sec.) deve il suo nome all’abitudine  dei pescatori di “raccomandarsi” alla Vergine prima di imbarcarsi. Ingrandita nel XIX secolo custodisce un fonte battesimale del 1703, un’ottocentesca Madonna lignea e la tavola raffigurante la Madonna di Porto Salvo (1573);

La Chiesa di Maria Santissima Immacolata (1963), dall’originale forma conica, è decorata all’interno da importanti bassorilievi in maiolica;

La Chiesa di San Pancrazio (1957) custodisce una preziosa tela del 1879. Da citare, infine, la statua dedicata al santo, datata 1691, posta nel piazzale antistante alla chiesa;

Il Castello di Schisò, appartenuto alla famiglia de Spuches, è databile al XII secolo, al suo interno include la Chiesa di San Pantaleo;

La “Porta di Naxos”, edificata nel 2000, ad immagine dell’omonimo monumento greco, per celebrare il gemellaggio fra la Naxos sicula e quella greca;

La “Nike” di Kalkis(1965) scolpita da Carmelo Mendola in onore al gemellaggio con la città greca di Chalkis;

La Sirenetta (1962) realizzata dal ceramista Giuseppe Cuscona.

Distante meno di 60 km dall’aereoporto di Catania, Giardini Naxos è facilmente raggiungibile sia tramite automobile sia con mezzi pubblici e dispone inoltre di un porticciolo che permette l’ancoraggio di navi di medio-grandi dimensioni.

Ricca e variegata la ricettività della cittadina grazie ai numerosi hotel a Giardini Naxos, agriturismi, pensioni, B&B e case vacanza.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *