breaking news

Enna, citta capoluogo più alta d’Italia e belvedere della Sicilia

maggio 27th, 2010 | by Red
Enna, citta capoluogo più alta d’Italia e belvedere della Sicilia
Bed & Breakfast
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Vuoi visitare una città ricca di paesaggi, attrattive naturalistiche e antichi monumenti? Scopri in quali bed and breakfast Enna pernottare e come ottimizzare il tuo tempo libero con questa mini-guida
Enna si trova al centro della Sicilia su di un altopiano dei monti Erei a 992 metri di altitudine.

Definita dai romani “Urbs Inexpugnabilis” per la sua elevata posizione geografica, la città siciliana è il capoluogo più alto d’Italia ed è considerata il “belvedere di Sicilia” dal quale si vedono l’Etna, le Madonie e buona parte del litorale meridionale dell’isola.

Enna fa parte della Riserva naturale speciale Lago di Pergusa che include l’omonimo lago, la Selva Pergusina (una lussureggiante pineta) il giuncheto (un’area di grande interesse naturalistico) e il piccolo centro abitato di Pergusa, frazione della città. In quest’area protetta, frequentata meta turistica estiva, sostano migliaia di uccelli migratori che si dirigono o provengono dall’Africa.

Il monumento simbolo di Enna è il Castello di Lombardia, situato nella parte più alta della città e circondato da una rupe. Fatto costruire da Federico II di Svevia e in seguito riattato e abbellito da Federico II d’Aragona, conserva sei delle venti torri originarie e tre cortili, di cui quello di San Nicola è oggi adibito a teatro all’aperto.
Un altro edificio costruito a scopo difensivo è la Torre di Federico II alta 24 metri a forma ottagonale, situata in mezzo ad un giardino pubblico.

Da visitare il Duomo, probabilmente la chiesa più bella della provincia, caratterizzato da una sontuosa facciata, un alto campanile, una grande scalinata e un pregevole portale cinquecentesco. All’interno si conservano affreschi del pittore fiammingo Borremans, la statua della Madonna della Visitazione adornata da gemme e diamanti e pitture raffiguranti scene dell’Antico e Nuovo Testamento. Da non perdere anche il santuario di Papardura costruito su di una rupe rocciosa, con un facciata semplice ma con un interno ricco di opere barocche, quali il soffitto di legno con preziosi intarsi, pitture di Borremans e le dodici statue degli Apostoli. I due musei più importanti di Enna sono il Museo Alessi e il Museo archeologico regionale.
Il primo custodisce il tesoro del Duomo, costituito da numerosi e pregiati pezzi di arte sacra, e diverse tele tra cui le “nozze mistiche di Santa Caterina” di Antonio Spatafora e un quadro quattrocentesco fiammingo raffigurante la “Madonna con Bambino”. Di grande interesse è anche una raccolta di monete greche, romane e bizantine. Il Museo archeologico regionale, ospitato in un bel palazzo quattrocentesco, espone reperti archeologici databili dalla preistoria al rinascimento, provenienti da necropoli e siti della Sicilia.

Tra i principali eventi della città ricordiamo la Settimana Santa, un’insieme di manifestazioni religiose risalenti al periodo della dominazione spagnola, la Stagione teatrale del teatro Garibaldi, la Fiera di maggio e la Stagione motoristica dell’Autodromo di Pergusa.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *