breaking news

Un giro a Cala Goloritzè

gennaio 2nd, 2012 | by Red
Un giro a Cala Goloritzè
Sardegna
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Fra le varie cale della Sardegna, luogo ideale per chi ama il mare e il sole, Cala Goloritzé è una delle cale più belle dell’isola. Già dichiarata Monumento Naturale della Sardegna tramite un Decreto Regionale, Cala Goloritzé è meravigliosa e rinomata soprattutto per il monumentale arco naturale di roccia calcarea che si getta sul mare e per la famosa Aguglia, uno sperone di roccia calcarea alto 143 metri, che svetta sull’intera baia offrendo una visuale mozzafiato.

Cala Goloritzé si caratterizza per il fondale trasparentissimo, ma che in realtà è profondo ben 30 metri e che rende ideale l’attività legata ai tuffi dalle imbarcazioni. Se il fondale è limpido, la spiaggia è una vera bellezza naturale, caratterizzata da innumerevoli sassolini bianchi che la rendono unica. La cala è percorsa da numerose correnti di acqua ghiacciata che rendono la temperatura dell’acqua piuttosto fredda, ulteriore caratteristica della zona.

Monumento Naturale della Sardegna, Cala Goloritzé è un luogo naturale protetto: è vietato raccogliere sassolini alla spiaggia ed è assolutamente vietato portare le imbarcazioni entro i 300 metri dalla riva. Procedendo da Cala Goloritzé verso Nord si possono facilmente raggiungere altre due piccole spiaggette, solo attraverso il mare per trascorrere una giornata indimenticabile all’insegna del relax e della natura incontaminata. Per raggiungere Cala Goloritzé è possibile utilizzare la via del mare con imbarcazioni che partono da Cala Gonone o da Santa Maria Navarrese. Se siete dotati di maggiore spirito d’avventura, potrete invece percorrere l’apposito sentiero lungo circa 3 chilometri: dopo la salita iniziale dovrete procedere in discesa fino al mare.  Il percorso regala delle viste meravigliose che non potrete dimenticare facilmente, dal cielo terso al mare limpidissimo che si fa strada fra le rocce… esiste anche un’ultima alternativa, a metà strada fra le due: percorrere il trekking in discesa, godersi la spiaggia e poi tornare con l’apposita imbarcazione. In ogni caso, una volta arrivati potrete godervi la spiaggia, incontaminata e  priva di servizi di ogni genere: un vero paradiso terrestre.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *