breaking news

Santa Teresa di Gallura, spazio per lo sguardo

gennaio 23rd, 2009 | by Red
Santa Teresa di Gallura, spazio per lo sguardo
Sardegna
1
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Santa Teresa di Gallura sorge nella stretta insenatura naturale del Porto Longonsardo, affacciata sulle Bocche di Bonifacio dall’alto tavolato roccioso sulla quale è adagiata. Lo sfondo è quello spettacolare della Sardegna settentrionale: le magnifiche coste galluresi, molto frastagliate e caratterizzate da affioramenti granitici dalle forme bizzarre, spiagge di bianchissima sabbia fine e acque cristalline. Scorci fantastici assolutamente limitati dalle parole che cercano di descriverli. Spazio allo sguardo allora!

Nata nel 1808 con Decreto Regio di Vittorio Emanule I, in realtà l’area dove si sviluppa Santa Teresa è abitata sin dall’antichità e ha rappresentato sempre un crocevia di popoli per la grande strategicità della sua collocazione. Visitare Santa Teresa significa scoprire un mix unico di tracce di civiltà diverse: i villaggi nuragici, le cave romane, i resti del castello medievale, la torre cinquecentesca che domina lo stretto.

Ma Santa Teresa, così perfettamente collocata in uno degli angoli più suggestivi e affascinanti del Mediterraneo, è ancora oggi punto di incontro di popoli diversi. In particolare durante la stagione estiva è una meta ambitissima con un’ampia offerta di opportunità di alloggio e di svago.

Santa Teresa è attrezzata per accogliere i turisti e soddisfare le loro esigenze nel migliore dei modi. Per godersi una vacanza a Santa Teresa di Gallura è a disposizione una varietà di soluzioni ricettive, quali hotel, residence, bed & breakfast, agriturismo, ville e case Santa Teresa di Gallura, ristoranti, servizi sulle spiagge, possibilità di praticare attività sportive, escursioni e così via.

Ogni anno migliaia di visitatori vengono qui per ammirare la sua splendida costa punteggiata da calette, rientranze e promontori che nascondono bellissime spiagge bagnate da un mare cristallino con fondali ricchissimi. Ai piedi del paese si trova la splendida spiaggia di Rena Bianca (Bandiera Blu d Europa dal 1987), chiusa sul lato occidentale dalla piccola isola Municca.

A pochi minuti dal centro si possono raggiungere altre spiagge e calette suggestive. Sulla strada per Capo Testa si trovano la spiaggia di Santa Reparata, Capo Testa (Ponente e Levante), Cala Spinosa (sulla punta estrema di Capo Testa), Cala Grande o Valle della Luna (sull’istmo di Capo Testa); verso Palau si incontrano invece Cala Sambuco, La Marmorata, Porto Quadro, Valle Dell’Erica, Conca Verde, Porto Pozzo e La Sciumara; percorrendo la provinciale per Sassari infine si raggiungono Lu Pultiddolu e La Liccia.

Ai margini dell’abitato, dalla struttura molto regolare e ordinata, verso nord ovest, si erge la torre di Longosardo che segna l’ingresso del porto da cui partono i collegamenti per la vicina Corsica. È un porto molto riparato dal vento in quanto situato in un fiordo naturale e forse il più attrezzato della zona. Dalla terrazza si gode una splendida vista sulla spiaggia di Rena Bianca, le pareti rocciose del fiordo e le Bocche di Bonifacio.

Vicino a Santa Teresa, si trovano dei siti di interesse archeologico, tra cui spicca Lu Brandali. Qui si possono ammirare i resti di un interessante complesso nuragico, costituito da un nuraghe, numerosi tafoni (cavità presenti nelle rocce) e una tomba di giganti.

Nella parte nordoccidentale di Capo Testa, un suggestivo promontorio collegato da un sottile istmo alla terra costituito da rocce granitiche, si possono ancora vedere i resti di cave di granito, oggi abbandonate, intensamente sfruttate sia dai romani (colonne del pantheon), che dai pisani (colonnati del duomo).

Il paese offre numerosi appuntamenti culturali tra cui spicca l’evento di maggior prestigio: Musica sulle Bocche. In programma dal 25 al 31 agosto, il Festival Internazionale di Jazz e non solo, tra l’Italia e la Francia, sulle Bocche di Bonifacio, regala da anni momenti di grande suggestione, emozionanti e innovativi, come i concerti all’alba, al tramonto e a notte fonda, sulle spiagge, nei porti, sulle navi e nelle piazze.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

One Comment

  1. Ale17 says:

    Che posto fantastico, sembra una foto dei Caraibi..
    Purtroppo non sono ancora riuscito a visitare la Sardegna, ma vedendo questa immagine la voglia di andarci aumenta esponenzialmente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *