breaking news

Golfo Aranci, uno sbarco nella natura

febbraio 3rd, 2009 | by Red
Golfo Aranci, uno sbarco nella natura
Sardegna
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Golfo Aranci è un borgo situato sulla costa nord-orientale della Sardegna, nella regione della Gallura, conosciuto nel Mediterraneo grazie al suo porto e ai suoi collegamenti con la penisola. In origine veniva chiamato Figari molto probabilmente per l’abbondanza di alberi da fico. Il nome Golfo Aranci pare derivi dal naufragio in questo mare di una nave carica di arance, ma più realisticamente deriva dalla parola “Ranci” che in gallurese significa “Granchi”, di cui queste acque erano particolarmente ricche.

Originariamente esistevano solo poche case di pastori, quando, intorno al 1881, le Ferrovie della Sardegna ottennero il trasferimento navale (che collegava la Sardegna alla penisola) da Olbia alla baia di Golfo Aranci. Golfo Aranci divenne un attrezzato centro di pesca, attraendo anche alcuni pescatori provenienti dall’isola di Ponza che vi si stabilirono, fino a diventare il secondo scalo della costa nord della Sardegna.

Forte soprattutto delle sue bellezze territoriali e della vicinanza a località culto della Costa Smeralda, Golfo Aranci inizia il suo sviluppo turistico e oggi è un importante meta per le vacanze in Sardegna, organizzata per accogliere al meglio i visitatori. A disposizione dei viaggiatori, un completo elenco di strutture ricettive che spaziano dagli hotel agli appartamenti Sardegna, ai villaggi turistici, a campeggi, fino ad arrivare a soluzioni più semplici ed economiche come gli agriturismo e i bed and breakfast.

Tra Golfo Aranci e Olbia la costa è bassa e regolare, caratterizzata da piccole insenature e spiagge di finissima sabbia bianca, alcune proprio con accesso diretto dal paese, circondate dalla macchia mediterranea e lambite da acque trasparenti. Provenendo da Olbia si incontrano Spiaggia Bianca, Cala Sassari, Sos Aranzos , Nodu Pianu, fino ad arrivare alle spiagge del paese.

Il golfo è chiuso a nord dal suggestivo promontorio di Capo Figari: un immenso habitat di flora e fauna con i colori e profumi tipici della macchia mediterranea. L’arco costiero è caratterizzato da alte falesie a picco sul mare e da un susseguirsi di insenature e grotte orlate di scogli e morbidi arenili. Dalla sommità del monte il panorama si rivela come un museo naturale all’aria aperta: dall’isola di Figarolo e Tavolara, alle isolette di Mortorio e Soffi con sullo sfondo la Costa Smeralda.

Il paesaggio di Capo Figari è rimasto inalterato nei tempi grazie ad un isolamento naturale e all’istituzione di un area protetta. Percorrendo la strada sterrata che porta al capo si incontra Cala Moresca, una piccola spiaggetta proprio di fronte all’isolotto Figarolo. Proseguendo a piedi sui sentieri che si inerpicano sul promontorio si arriva a Punta Filasca o a Cala Greca, una striscia di sabbia bagnata da acque cristalline.

A nord di Golfo Aranci , oltre capo Figari, si estendono le bianche spiagge e belle scogliere del golfo di Marinella, circondato da morbidi rilievi ricoperti di macchia mediterranea. L’insenatura orlata di rocce granitiche dalla forme fantastiche, come quella del Cane e quella del Serpente, ospita numerosi insediamenti turistici.

Una vacanza a Golfo Aranci offre molto più che mare. Infatti è immerso in un territorio complesso ricco di tantissime specificità. Ancora oggi rimane traccia di insediamenti storici sull’isola di Figarolo, dove si trovano alcuni resti di una antica villa romana, appartenuta ad una nobile famiglia. Il pozzo sacro di Milis, nei pressi della stazione ferroviaria, appartiene invece all’età Nuragica ed è alimentato da una abbondante sorgente. Ma c’è anche la gastronomia, mix di sapori di mare e risorse della terra, ci sono i borghi e le costruzioni tipiche dell economia agricola, i paesaggi dell’interno, le tradizioni.

Si possono inoltre praticare svariati sport come il trekking, gli sport nautici e velici e le immersioni: il mare antistante Golfo Aranci offre, a pochissimi metri di profondità, ricchi tesori, un grande patrimonio di fauna marina apprezzata e ricercata dagli appassionati di immersioni subacquee.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *