breaking news

Cagliari, vacanze al mare nella “capitale” europea della cultura

Cagliari, vacanze al mare nella “capitale” europea della cultura

luglio 7th, 2014
Sardegna
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Quando arriva il momento di andare al mare, ecco che la mente comincia a fantasticare: Caraibi, Maldive, Canarie, Polinesia e via discorrendo. Ma vale davvero la pena di spendere tanti soldi, quando Madre Natura ha creato anche in Italia dei veri capolavori? Solo per fare un esempio: in Sardegna ci sono spiagge che nulla hanno da invidiare a certi paradisi tropicali.

Anzi, spesso sono anche più belle, ma la nostra esterofilia spesso ci fodera gli occhi con il prosciutto e non ci fa vedere il bello della nostra terra. Che tra l’altro è ricca di storia e cultura, elementi che rendono più completa una vacanza e che certe località esotiche possono solo sognarsi.

Prendiamo come punto di riferimento una località a portata di aereo: Cagliari e dintorni. Se vuoi farti un’idea qui trovi Voli Sardegna. Ebbene: il capoluogo di regione sardo non solo saprà lasciarti senza fiato con il suo Golfo degli Angeli, ma saprà regalarti eventi culturali, possibilità di escursioni e visitare musei e siti archeologici di indubbio interesse.

Ma andiamo con ordine. Proprio a Cagliari c’è la spiaggia del Poetto, meta irrinunciabile per i residenti e non. La sabbia più bianca del latte e il paesaggio sono da cartolina. Come non restare affascinati, ad esempio, dalla Sella del Diavolo? Questo promontorio che si specchia nel mare è considerato uno dei simboli della città.

Ma anche nei dintorni il mare è qualcosa di indescrivibile. Ad esempio a meno di trenta chilometri dal capoluogo c’è la spiaggia di Cala Regina. Posta nel territorio comunale di Quartu Sant’Elena, prende il nome da una torre che domina questa insenatura “dipinta” di verde. Tra l’altro è ben riparata dal vento.

Sempre nel territorio comunale di Quartu Sant’Elena c’è la spiaggia di Kal’ e Moru, ancor più bella perché a ridosso del Parco dei Sette Fratelli.  È l’ideale per gli appassionati di pesca subacquea e di surf. Il fondale basso la rende appetibile anche per quelle famiglie che preferiscono stare al sicuro con i propri figli.

A due passi da Cagliari c’è anche un posto riservato agli amanti del naturismo: è Cala Fighera, caratterizzata  dalla presenza di numerosi locali notturni. Anche da queste parte le immersioni rappresentano uno spettacolo unico. Meta ideale anche per le coppie gay.

Un’altra località dove la natura dà spettacolo (siamo a 20 chilometri dal capoluogo di regione) è la spiaggia sabbiosa di Mari Pintau. Il nome dice tutto: “mare dipinto”.  L’acqua trasparente e i fondali bassi creano giochi cromatici che – visti dall’alto – ti fanno venir voglia di tuffarti, come a voler provare la sensazione di lanciarsi su una tela dipinta a olio.

Facendo qualche chilometro in più, andando verso est, c’è Villasimius: anche da queste parti le spiagge sono da urlo. Tra l’altro vi trovate in una delle zone meno piovose d’Italia. Un particolare, questo, da non trascurare: avrai ottime possibilità di prenotare una vacanza al mare senza il terrore di beccarsi la pioggia per tutto il perio di permanenza sull’isola.

A ovest di Cagliari, invece, è d’obbligo fermarsi a Teulada: per Travellers’ Choice la locale spiaggia di Tueredda è tra le dieci più belle d’Italia. Bastano queste poche spiagge a convincerti a prendere pinne, fucili e occhiali e partire? Se la risposta è affermativa, ecco un consiglio: prenota i tuoi voli Ryanair su Volagratis, troverai offerte interessanti.

Ma Cagliari, come detto, non è solo mare. Non a caso, la città è tra le candidate a “Capitale europea della cultura” per il 2019. Tra le novità di quest’anno c’è la necropoli di Tuvixeddu: con le sue circa mille tombe – lasciate sia dai cartaginesi sia dai romani – è una delle più importanti del Mediterraneo. La novità è questa:  finalmente diventa agevole visitarla, grazie a una cartina speciale, dedicata ai turisti, realizzata all’associazione Amici di Sardegna.

E poi ci sono i musei: nel quartiere di Castello c’è la Cittadella dei musei: oltre a quello archeologico, c’è la Pinacoteca nazionale. Messi insieme, raccontano l’affascinante storia dell’isola. Nello stesso quartiere c’è anche il palazzo regio degli aragonesi (XIV secolo). Il Castello di San Michele, la Torre dell’Elefante, il bastione Saint Remy o l’anfiteatro romano del II secolo dopo Cristo sono altri luoghi di interesse.

A proposito di cultura: in questo periodo potrai approfittarne anche per visitare due mostre. Fino al 31 luglio, all’Archivio di Stato, c’è quella dal titolo: “Oltre la pietra. Dalle fortificazioni ai rifugi antiaerei”. Alla Biblioteca universitaria, invece, resterà aperta fino al 30 settembre una mostra  di libri e stampe sul tema delle città fortificate.

Naturalmente anche le escursioni sono a portata di mano: avrai la possibilità di fare trekking, giri in mountain bike o a cavallo. Da non perdere, infine, una visita al Parco di Molentargius: in questa riserva naturale potrai ammirare i magnifici fenicotteri rosa. Ecco, dunque, alcuni buoni motivi per andare in vacanza in Sardegna. Un altro valido motivo è rappresentato dai costi per il viaggio. Clicca qui se cerchi voli Roma Cagliari, scoprirai tante proposte convenienti.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

One Comment

  1. Pingback: Cagliari, non solo mare – Quotidianodiragusa.it | MéT

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *