breaking news

Salento le vacanze giuste per tutti i tipi di tasche

novembre 4th, 2010 | by Red
Salento le vacanze giuste per tutti i tipi di tasche
Al mare
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lo spropositato successo che la penisola salentina ha ottenuto durante gli ultimi anni hanno portato di conseguenza a un notevole “boom del turismo”, producendo un notevole miglioramento dell’offerta turistica, cui fa seguito un adeguamento dei prezzi davvero minimo.

Il Salento e in modo particolare la provincia di Lecce continuano ad essere mete turistiche adatte a tutti i tipi di budget, tanto per quelli più importanti, quanto per quelli che lo sono molto meno.

Un aspetto da tenere in grande considerazione, durante le vacanze nel Salento, è la possibilità di decentrare il soggiorno, grazie soprattutto alla generosa quantità di alloggi attualmente disponibili sul territorio e ben più ampia che delpassato, e la facilità di raggiungere le località turistico-balneari con un mezzo proprio, riducendo in tal modo i costi della vacanza, che così come avviene per gli altri centri turistici d’Italia sono comprensibilmente destinati a lievitare nei posti più in voga e rinomati.

In linea di massima si può affermare che in estate, le località più blasonate e gettonate, come ad esempio gran parte della tratta costiera che da Otranto scende giù fino a Santa Maria di Leuca, e il tratto compreso tra Gallipoli e le Marine di Nardò (Santa Caterina e Santa Maria al Bagno) siano comprensibilmente quelle un po’ più costose.

Si possono fare delle considerazione per poter spendere meno anche sull’alimentazione. La ben ampia scelta gastronomica della terra del Salento, può infatti essere assaporata anche nei posti semplici, come osterie e trattorie apparentemente poco curate e definite, ma che sono in grado di offrire piatti dal gusto simile a quelli di locali ben più sfarzosi e prestigiosi.

Anche la spesa relativa ai costi dei mezzi pubblici, quali treni locali e autobus, e alle diverse attrattive turistiche come musei e siti archeologici, rientrano nella media nazionale.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *