breaking news

Cosa vedere in una vacanza a Oporto

marzo 24th, 2012 | by admin
Cosa vedere in una vacanza a Oporto
Portogallo
1
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Oporto o Porto è la seconda città del Portogallo, nel 2001 è stata eletta Capitale Europea della Cultura e la parte antica è considerata Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco dal 1996. La città è facilmente raggiungibile dall’Italia cercando voli Easyjet con Skyscanner o anche con Iberia. La città sorge lungo il fiume Douro, a pochi chilometri dall’oceano Atlantico e presenta tantissime cose da vedere. Scopriamo assieme quelle che sono le migliori.

Cattedrale di Oporto
Si tratta dell’edificio religioso più importante della città e realizzato in stile barocco nel XII secolo. Il chiostro è uno dei siti più visitati ed è decorato con piastrelle che rappresentano immagini religiose. La cattedrale di Oporto è considerata un monumento nazionale.

Chiesa e Torre del Clero
Una delle mete più apprezzate di Oporto sicuramente la Torre del Clero. Salendo i 200 gradini della sua torre alta 76 metri è possibile godere di una meravigliosa vista panoramica sulla città. Le torri si trovano su quella che è chiamata la “Collina degli impiccati” visto che in passato era qui che venivano sepolti i cadaveri dei condannati a morte.

La stazione dei treni di São Bento
Questo luogo rappresenta uno dei posti più belli di Oporto e il suo interno è decorato con più di 2mila piastrelle che formano immagini diverse, come l’arrivo del primo treno e il torneo medievale di archi. Nel soffitto in gesso possono essere apprezzate iscrizioni Minho e del Douro.

Palazzo della Borsa
Viene considerato assieme alla Cattedrale come uno dei monumenti nazionali. Venne creato negli anni tra il 1842 e il 1891 e oggi si estende su due piani. Nel primo si trova la Corte delle nazioni, mentre nel secondo si trova la Sala d’oro, così chiamata in quanto interamente ricoperta d’oro, la sala dell’Assemblea Generale e la Sala Araba.

Rua della Alfandega di Oporto
Si tratta di una delle strade più importanti della città e ospita la Casa do Infante, piccolo museo archeologico, luogo in cui nacque Enrico il Navigatore. Non lontano è possibile trovare il Palacio da Bolsa e la Igreia de San Francisco che fonde lo stilo romanico sia con il gotico che con il barocco. L’interno della chiesta è in oro e qui è possibile visitare le catacombe in cui si trovano le tombe dei frati francescani.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

One Comment

  1. Martita says:

    Bello l’articolo, è da tanto tempo che desidero viaggiare lì. Ho sempre in mente le immagini del romanzo Sostiene Pereira di A. Tabucchi che ci ha lasciato poco fa 🙁 Mi sembra una città piena di vita ma nello stesso tempo tranquilla e testimone di secoli passati.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *