breaking news

Frosolone, un borgo dove il sogno non ha tempo

aprile 21st, 2016 | by Ro.Mu.
Frosolone, un borgo dove il sogno non ha tempo
#Experience
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Ci sono i borghi più belli d’Italia e poi c’è quello che ciascuno ha nel cuore. Perché ti appartiene, perché ti piace il suo odore, perché l’aria ti rinfresca la mente e provi quell’abbraccio che desideri non ti lasci mai.

Il Molise ne ha tanti, ma quattro di essi sono entrati nel Club “I Borghi più belli d’Italia”, a vario titolo e, pochi giorni fa, c’è stato anche l’annuale raduno nazionale durante il quale si è detto come il concetto di bellezza debba estendersi all’ambiente. Questo significa piante e animali, aria e acqua. Ciò è già, di per sé, molto bello.

Ce n’è uno, tra i borghi molisani, un po’ speciale. Frosolone, case tra le montagne riscaldate dal sole e sferzate dal vento. Dove le cose e le pietre ti parlano e ti raccontano una storia, una bellissima fiaba lunga secoli e secoli. Di antichi cacciatori che popolavano una valle segreta e si proteggevano da mura fatte di rocce tanto grandi da immaginarseli come giganti forzuti e amazzoni coraggiose. Nei loro momenti di riposo celebravano riti e consacravano agli dei del cielo i loro pensieri, il loro cibo, quello che sfamava la bocca e quello che appagava il desiderio ancestrale dell’unione.

La Mostra Mercato nazionale delle forbici e dei coltelli: l’arte delle lame fatte col fuoco

E più giù, nella valle, la fiaba del tempo racconta di monaci guerrieri che costruirono un tempio orientando le loro preghiere a dio e, rivolgendosi alla più potente energia dell’universo, chiesero per quel luogo prosperità e amore. Che arrivò e assunse la forma di lame taglienti, forgiate col fuoco e l’abilità delle mani ruvide dei loro discendenti. Misteri di un sogno che è nella testa ma anche nel cuore.

Quella prosperità invocata e richiesta, concessa attraverso la forma di forbici e coltelli, non è mai stata dimenticata nonostante guerre d’armi e di santi, di potere e di soldi. Ed oggi, che ventun anni son passati dal giorno in cui l’arte delle lame si mostrò e diventò fiera nazionale, Frosolone si apre.

Apre le sue strade a chi vorrà conoscere il proprio sogno. La Mostra Mercato nazionale delle forbici e dei coltelli, ventunesima edizione, ci sarà dall’11 al 14 agosto 2016. L’occasione per fare questo viaggio a Frosolone, borgo d’eccellenza più bello d’Italia e Bandiera arancione. Farsi ospitare nei tanti bed and breakfast del paese, passeggiare nei boschi e fra le montagne, scoprire la valle segreta delle Civitelle, visitare la piccola chiesa del Gonfalone, bagnarsi alla fonte dell’Immacolata, gustare il sapore del caciocavallo dei pastori, guardare la maestosità della facciata barocca di Santa Maria e i marmi della chiesa di San Pietro, provare il mistero del tempio dedicato all’Arcangelo e ascoltare.

Ascoltare i rumori, la musica, il dialetto, incomprensibile e divertente suono dei locali, assaporare il vino delle umide cantine. Farsi risvegliare e poi farsi ubriacare dal proprio sogno. Nella stanza dei desideri dove il cuore, attraversato dalla lama forgiata col fuoco, c’entra sempre.

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *