breaking news

Visitando Milano

marzo 12th, 2012 | by Red
Visitando Milano
Arte & Cultura
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Di Milano, capoluogo della regione lombarda, potremmo dire che è la seconda città italiana più famosa dopo Roma e che è stata, ricordiamo, per un certo periodo (quello napoleonico) essa stessa la capitale della nostra nazione.

In seguito si è avvalorata del merito d’essere il punto focale dell’informazione e del sistema editoriale oltre che di quello economico.

Visitare Milano è come fare un viaggio nel tempo nei periodi più floridi dell’arte figurativa ed architettonica italiana, non ci si riferisce esclusivamente ai monumenti ed ai palazzi noti nel mondo ma anche agli edifici in cui ad esempio si trovano alcuni hotel di Milano risalenti ad epoche fra il settecento e l’ottocento che sono dei veri e propri pezzi della storia di questa città.
Non tralasciamo poi la moda, questa città del resto ne è stata eletta la capitale, che è uno dei principali motivi per cui i turisti scelgono di prenotare un viaggio a Milano.

Dunque potremmo dire che la moda è uno dei simboli distintivi della città come lo sono i monumenti del resto, pensiamo al Duomo, uno dei principali luoghi d’interesse a Milano, costruito per volere di Gian Galeazzo Visconti (1386) in stile tardo gotico che è la terza chiesa cattolica più grande in assoluto. Una maestosa costruzione in marmo, le cui svettanti guglie sono sormontate da una preziosa Madonnina (come recita del resto la canzone).
La testimonianza del grande lavoro occorso per erigere questo monumento di eccezionale bellezza lo troviamo nel Museo del Duomo presso il vicino Palazzo Reale.

Proseguiamo con un’altra architettura religiosa milanese di grande interesse quale è la Basilica di San Lorenzo.
La sua costruzione va fatta risalire all’epoca paleocristiana e di tale originaria costruzione permane a tutt’oggi il colonnato, sedici colonne intatte. All’interno possiamo ammirare diverse cappelle di straordinario pregio quali: la  Cappella dell’Addolorata, la Cappella della Sacra Famiglia e la Cappella di Sant’Aquilino con le reliquie del santo.
Quindi arriviamo alla Chiesa Santa Maria delle Grazie realizzata fra il 1465 ed il 1482 da Guiniforte Solari. Qui troviamo un eccellente esempio di architettura tipica lombarda rinascimentale anche se nel corso degli anni ha subito diverse trasformazioni.

Seguono due importanti basiliche quali quella di Sant’Eustorgio e Sant’ Ambrogio: la prima è una struttura semplice che si affaccia su piazza Vetra ma possiede il campanile più alto di tutta Milano e custodisce numerosi affreschi di valore; la seconda invece risale al 380 invece ed è dedicata al patrono della città, sorge su alcune antiche sepolture cristiane e la leggenda vuole che si custodiscano le stesse reliquie del santo.

Si passa dunque alle architetture civili di Milano, stiamo parlando dei maestosi palazzi del potere: primo fra tutti il Palazzo Reale che fu scenario della vita dei sovrani. Uno squisito esempio di eleganza architettonica e di prestigio con le sue sale minuziosamente decorate.

Non da meno è certamente il Palazzo Brera che fu costruito nel lasso di tempo che va dalla metà del seicento al tardo settecento, se ne ammiri visitandolo il maestoso portale ed il cortile con la statua dedicata a Napoleone I. Questo importante edificio è stato nel corso degli anni sede dell’Accademia di Belle Arti, dell’ Osservatorio Astronomico, della Biblioteca e quindi dell’Orto Botanico. Oggi ospita la Pinacoteca di Brera che custodisce numerose e preziose opere d’arte.

In ultimo citiamo il Palazzo Marino (1776) sede attualmente dell’Amministrazione Comunale che fu voluto dalla nobiltà milanese originariamente in funzione di teatro con il favore di Maria Teresa d’Austria che commissionò per l’appunto quest’edificio in stile neoclassico impreziosito da diversi bassorilievi.
Sulla stessa piazza in cui si affaccia questo edificio troviamo anche il famoso Teatro della Scala inaugurato il 3 agosto del 1778 che dopo varie vicende venne riaperto nel 2004. Annesso vi si trova il Museo Teatrale (1913) che c’illustra la storia del teatro.

Fra gli altri monumenti di Milano a cui non possiamo mancare una visita troviamo:
•    la Galleria Vittorio Emanuele II che collega piazza Duomo a Piazza della Scala realizzata da un architetto bolognese verso la seconda metà del XIX secolo e che fu un’opera che richiese molto denaro e successivamente fu danneggiata sai bombardamenti ma che rimane uno dei simboli di Milano;
•    il Castello Sforzesco, la reggia ducale, maestosa ed imponente che da sempre affascina i turisti di tutto il mondo, la sua iniziale costruzione fu terminata nel 1368  e venne distrutto a seguito della caduta degli Sforza, fu portato all’aspetto originario dal Beltrami nel 1839;
•    la Villa Reale (inizi del XIX secolo) voluta dal conte Ludovico di Barbiano e che oggi ospita la Galleria d’Arte Moderna con numerose ed importanti opere e di cui ammiriamo esternamente i giardini con i suoi laghetti, tempietti e anfratti naturali.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *