breaking news

A 360° nella musica al Black Hole di Milano

febbraio 26th, 2009 | by Red
A 360° nella musica al Black Hole di Milano
Lombardia
1
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Il Carnevale del Black Hole spazia a 360° nella musica. Happy, commerciale, house, dance e R ‘n B nella Sala Rossa con Dj Martino e special guest ogni volta diversi. Emozioni direttamente dagli anni ’80 nella Sala dei Leoni con dj Tony e Lo Zelmo, dance world music rigorosamente di due decenni fa. E in più tre live band dal rock al metal.

Il Black Hole,  è suddiviso fra indoor e outdoor. Ciò permette al pubblico di entrare ed uscire dalle atmosfere, scegliere un flusso continuo di stimoli, visi, movimenti. Nell’indoor c’è la Sala dei Leoni, rinomata per il suo ambiente caldo dato sia dall’illuminazione che dal colore rosso usato sui muri alternati da tendaggi. Ci sono tanti specchi e una postazione bartender con struttura circolare in pietra, marmo e decorazioni. L’ambiente attiguo è la Sala Rossa, ricavata da un capannone industriale che ha la caratteristica forma rettangolare e le colonne originarie, ora laccate di rosso. Tra divanetti neri e uno spazioso palco, usato spesso anche come super privè, emergono marmo e parquet in nuance rossa. Un’altra particolarità caratterizza la sala: il bancone del bar è composto da mattoncini nero graffite creati a mano e illuminati da molteplici led rossi. L’outdoor ha una superficie di 1800 mq. E’ un’ampia location per ballare, bere, rinfrescarsi fra i gazebi da 9 o 15 posti, piante fono assorbenti per ridurre fino al 60% il livello della musica nelle vicinanze delle abitazioni. Il verde domina nel cuore di Milano con il palmeto, il roseto e il frutteto dove si può chiacchierare guardando l’agorà, dove vi è il dancefloor.

Grande divertimento per questo Carnevale Ambrosiano in Viale Umbria, 118, la serata ha inizio alle ore 22.00, di sabato 28 febbraio 2009, il biglietto d’ingresso è di €.18,00 e ci si può arrivare con il  Bus n° 12, 45, 66, 92 Zona Vittoria.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

One Comment

  1. ortis says:

    bellissimo articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *