breaking news

Tivoli, due mostre per riscoprire Villa d’Este e Villa Adriana

giugno 5th, 2014 | by Red
Tivoli, due mostre per riscoprire Villa d’Este e Villa Adriana
Lazio
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Non solo Roma. A meno di trenta chilometri dalla Capitale c’è una bella realtà da vedere assolutamente: Tivoli, la città dell’acqua e autentico scrigno d’arte e architettura. Andarci in questo periodo, tra l’altro, significa approfittarne per visitare due mostre di indubbio interesse, aperte al pubblico fino al prossimo autunno e ambientate in “location” di tutto rispetto.

La prima è nell’area archeologica di Villa Adriana ed è dedicata alla civiltà greca, mentre la seconda, nello scenario di Villa d’Este, focalizza l’attenzione sulla moda del ‘500 e del ‘600. Vale la pena darci un’occhiata. A maggior ragione perché raggiungere Tivoli dalla Capitale non è affatto un problema. È ben collegata con i mezzi pubblici.

Se arrivi in aereo non avrai dunque problemi. A questo punto ti resta solo una cosa da fare: cerca i tuoi voli Roma su Volagratis e parti alla scoperta di una città dalle antiche origini e dal passato prestigioso. Ma cosa offrono le due mostre? È presto detto.

Quella inaugurata lo scorso 9 aprile nell’Antiquarium del Canopo dice tutto nel titolo: “Adriano e la Grecia. Villa Adriana tra classicità ed ellenismo”. È interessante perché permette di scoprire un pezzo di Grecia senza muoversi dall’Italia: alcune delle opere esposte arrivano infatti direttamente dai musei greci. Ed è praticamente la prima volta che accade.

Complessivamente sono esposte una cinquantina di opere. Mettono “in luce il rapporto tra Adriano e la Grecia, letto sotto la particolare angolazione di Villa Adriana, luogo che rispecchia la Grecia come la vede e la conosce l’imperatore”, si legge sul sito del ministero dei Beni culturali. Per visitarla c’è tempo fino al 2 novembre.

Questa mostra offre dunque la possibilità di visitare quest’area archeologica da una prospettiva diversa rispetto al solito. Un complesso immenso, di una bellezza unica: occupa una superficie oltre cento ettari e l’acqua, naturalmente, gioca un ruolo di prim’ordine. Non a caso, oltre al suggestivo teatro marittimo, ci sono anche le terme in questo “angolo” di Roma imperiale entrato a far parte a pino titolo del Patrimonio dell’umanità dell’Unesco.

Alta esposizione interessante quella inaugurata lo scorso 8 maggio (chiuderà i battenti il 19 ottobre prossimo): “La Nuova Moda tra ‘500 e ‘600”, ambientata nella magnifica Villa d’Este, attraverso una serie di dipinti e abiti d’epoca (ma anche quelli utilizzati per le rappresentazioni teatrali o cinematografiche), racconta due secoli di moda, mettendo in luce una vera e propria rivoluzione nel modo di vestire rispetto alle epoche precedenti. Un’evoluzione che non riguardò solo la nobiltà, ma anche la gente comune.

Ma questo è solo il preludio a una visita che vi lascerà senza fiato: Villa d’Este, anch’essa Patrimonio dell’umanità, è considerato uno dei simboli del Rinascimento italiano. Se ogni anno viene visitata da una media di oltre trecentomila persone un motivo deve pur esserci.

I giardini sono semplicemente incantevoli, i giochi d’acqua delle fontane rendono ancora più piacevole l’atmosfera. Di notevole interesse artistico anche gli interni della villa. Ma, come è facile intuire, specialmente nelle belle giornate di sole non c’è niente di meglio che andare a “caccia” delle decine di fontane disseminate nel parco, a loro volta autentici capolavori.

Solo per citarne qualcuna: c’è quella dei Draghi, quella dell’Ovato, quella di Pegaso, per non parlare del viale delle Cento fontane. Piacevole e rilassante, poi, una passeggiata lungo Le Peschiere, i tre grandi bacini che attingono l’acqua dall’altrettanto maestosa fontana di Nettuno.

Insomma: forse un’intera giornata non basta per visitare in maniera certosina tutta Villa d’Este, ma un giro da queste parti vale davvero la pena farlo. Come detto, i mezzi per raggiungerla dagli aeroporti capitolini non mancano. Se arrivi dalla Sicilia, cerca i tuoi voli Palermo Roma su Volagratis: si trovano offerte davvero interessanti.

A proposito: se ti resta ancora del tempo, Tivoli ha molto altro da farti vedere. Qualche esempio? Villa Gregoriana, ad esempio, è un’area naturale (da vedere la grande cascata) di grande pregio storico; mentre nel cuore della città spicca in tutta la sua imponenza Rocca Pia, interessante fortezza seicentesca. Interessanti anche le tantissime chiese.

Cosa aspetti ancora? Staccati del pc e parti. Anzi, no. Prima prenota i tuoi voli Alitalia su Volagratis, subito dopo avventurati alla scoperta dell’altra Italia: avrai l’ennesima conferma che anche nelle città più piccole dello Stivale sono conservati tesori d’arte semplicemente meravigliosi. Altrimenti che Bel Paese sarebbe?

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *