breaking news

Matrimoni sulla spiaggia? A Fiumicino si può

giugno 4th, 2014 | by Red
Matrimoni sulla spiaggia? A Fiumicino si può
Al mare
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Alzi la mano chi non ha provato almeno un pizzico d’invidia per quelle coppie che hanno pronunciato il più importante dei “sì” su una spiaggia esotica, con tanto di foto postata su Facebook per far rosicare gli amici. Ebbene: da oggi non bisognerà fare così tanti chilometri per celebrare il proprio matrimonio con… vista mare.

È notizia di questi giorni, infatti, l’approvazione di una delibera da parte del Comune di Fiumicino – tra le prime in Italia – per “reclutare” le location ideali. I primi matrimoni sulla spiaggia (con rito civile, s’intende) dovrebbero essere celebrati già entro la fine di questo mese, ha fatto sapere il sindaco, Esterino Montino.

Tutti i concessionari di demanio marittimo potranno presentare la loro candidatura per accogliere i matrimoni civili. Ma al tempo stesso anche i proprietari di parchi, dimore storiche e quant’altro potranno proporsi.

Naturalmente ci saranno dei vantaggi, sia per il Comune, sia per coloro che metteranno a disposizione aree idonee per celebrare le nozze: si parla infatti di tariffe che oscillano dai 500 ai 1000 euro. Ai residenti sarà applicata quella “low cost”, mentre chi non vive a Fiumicino dovrà mettersi l’anima in pace e sborsare mille euro. Ma vuoi mettere? Si avrà la possibilità di rendere davvero indimenticabile il giorno più bello della propria vita.

Finora tutto questo non era possibile, per via di un’interpretazione “bacchettona” di un articolo del Codice civile. Che per l’appunto non permetteva celebrazioni del genere in luoghi aperti al pubblico. Ora un diverso orientamento (ossia una circolare ministeriale e un parere del Consiglio di Stato) ha letteralmente cambiato i connotati a una norma che francamente appariva obsoleta. È stata cioè interpretata in maniera più permissiva.

Quella che in un certo senso può essere definita come la “liberalizzazione” dei luoghi idonei per ospitare i matrimoni civili, non è comunque una novità assoluta. Ancora prima di Fiumicino si è mossa nientemeno che la Capitale.

La spiaggia in questione è quella di Ostia, ma il Comune di Roma dispone anche di altre carte da giocare. Grazie al via libera a un apposito regolamento, infatti, da ora in poi si potrà pronunciare il “sì” non solo al Campidoglio o al tempietto di Caracalla, ma anche ad esempio a Villa Borghese, nelle spettacolari ville sull’Appia Antica o in altri luoghi incantevoli della Città Eterna.

Ma il passo più ambizioso – si legge sulle pagine locali di Repubblica.it – è quello di arrivare a celebrare matrimoni civili addirittura al Colosseo o in altri famosissimi monumenti della Capitale. In fondo a volte il matrimonio, secondo alcuni punti di vista, non è nient’altro che una lotta tra gladiatori o, peggio, tra belve feroci…

Probabilmente tutto questo resterà solo un sogno. Il ministro dei Beni culturali, Dario Franceschini, ha infatti così commentato questa ipotesi: “Matrimoni al Colosseo? Un’idea stravagante”. Che, tradotto, suona più o meno così: “Ma vi siete bevuti il cervello?”. Sarà anche vero, ma proprio a Roma viveva un certo Vespasiano: il suo “pecunia non olet” (il denaro non puzza) ha fatto scuola… Vedremo come andrà a finire.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *