breaking news

Al Carnevale di Düsseldorf le donne tagliano le cravatte ai passanti

febbraio 8th, 2009 | by Red
Al Carnevale di Düsseldorf le donne tagliano le cravatte ai passanti
Capitali Europee
2
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Dusseldorf è un antico villaggio di pescatori, fondato nel 1288. Oggi è un importante porto fluviale situato alla confluenza dei fiumi Reno e Düssel. Il Carnevale di Düsseldorf, viene festeggiato con delle folli trasgressioni. I tedeschi quando fanno una cosa la portano a termine fino in fondo, lo stesso vale per le trasgressioni.

Düsseldorf, città della Germania con 600.000 mila abitanti, durante il periodo di Carnevale, per tre giorni, da sabato a lunedì, si ferma. Il centro storico è chiuso al traffico e la gente mascherata si riversa nelle strade cantando e ballando. Il lunedì i negozi, gli uffici e le industrie sono chiusi. Düsseldorf, solitamente, a Carnevale conta circa un milione di persone, è gente che proviene da altre regioni della Germania per vedere questo carnevale. Durante la sfilata dei carri allegorici, le strade si affollano di maschere e la città si colora. La festa comunque inizia il giovedì con il carnevale delle donne, detto il “Carnevale delle zitelle”. Il municipio della città viene occupato dalle donne e il Sindaco per un giorno si dimette. Quel giorno le donne fanno quello che vogliono. I mariti o i fidanzati, alle loro mogli o fidanzate, non possono chiedere che cosa intendono fare in quella giornata. Non avranno risposta. Quel giorno è dedicato alla trasgressione totale. In realtà fanno solo danni, si armano di forbici e tagliano le cravatte a chiunque incontrano per strada, poi se incontrano un poliziotto, gli tolgono il berretto e lo prendono in giro e lui in quella giornata deve sottostare al potere delle donne. Dopo questi giorni di baldorie, tra fiumi di birra locale, scherzi e trasgressioni, il martedì, i cittadini di Düsseldorf, si svegliano con calma. Alcuni rimangono a casa a curar il mal di testa dovuto al troppo alcol bevuto la sera prima, altri tornano al lavoro e ridiventano di nuovo i famosi “tedeschi” lavoratori. L’importante è che nei giorni precedenti il divertimento ha prevalso, come pure le sbronze d’alcol o di birra (tedesca naturalmente).

Ci sono diversi luoghi da visitare a Düsseldorf. Su via Tohnallen si trova la Chiesa di San Lamberto, la Torre del Castello e il Rathaus (il Municipio) con il Monumento Equestre a Giovanni Guglielmo. Poco distante, c’è il Museo Hetjens e la Chiesa di San Massimiliano. In via Konigshalle si trovano i locali più esclusivi e frequentati della città. A nord della città c’è il Teatro dell’Opera, da cui si accede al Parco del Castello, poi c’è il Kunstmuseum e un bel punto da dove ammirare il panorama, la Terrazza sul Reno. Nel Nordpark, si trova il Museo Lobbecke. A Dusseldorf si possono provare le specialità della cucina della Westfalia, che si basa soprattutto su piatti a base di carne e verdure. Non mancano i giganteschi wurstel annaffiati da enormi quantità di birra locale.

Raggiungibile dall’Italia con i voli low cost Air Berlin, compagnia aerea  che atterra nell’aeroporto Düsseldorf International, oppure con i voli LTU o RyanAir che atterrano nell’aeroporto di Weeze, il secondo della città.
Non mancano certamente le strutture alberghiere per ospitare tutti coloro che vogliono vedere questo Carnevale, ci sono hotel a partire da 44€ a notte come il Motel One Düsseldorf-Ratingen 2*, a 58 €  l’Hotel Petersburg 3*, a 64 € il Mercure Hotel Dusseldorf Neuss Ex-Novotel 3*, fino ai più lussuosi ed eleganti, come il Renaissance Düsseldorf a 276 €, lo Steigenberger Parkhotel 5* a 283 € e l’Intercontinental Düsseldorf 5* a 326 €, ci sono bed and breakfast come il Fw Fair Events che pratica dei prezzi molo bassi, o il Bed & Breakfast Gastehaus Koln che ha un prezzo medio di 50 €. a notte. All’ostello Backpackers Dusseldorf il prezzo medio è di 20 €. a notte.

Foto|Flickr

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

2 Comments

  1. antony-c.93 says:

    è forte

  2. Ok MORANDO SERGIO Crocefieschi Genova Malpotremo Lesegno Italia Argentina San Morando says:

    Belin a Dusseldorf “menomale” che le donne non tagliano anche qualcosa d’altro..Comunque bisogna fare attenzione in questo periodo ciò che è belin..è Bernarda e viceversa.. 🙂 e in Germania la birra fa confondere.. o quasi i giusti tagli 🙂
    Morando

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *