breaking news

Napoli, la città italiana per antonomasia

ottobre 24th, 2013 | by Red
Napoli, la città italiana per antonomasia
Campania
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Nei secoli è stata la rappresentante, se si esclude Palermo, della cultura, della storia e dell’arte di tutto il mezzogiorno. Napoli ha mille volti, tutti da scoprire, partendo dal vulcano che le sta alle spalle, la sua montagna simbolo, il Vesuvio; amato perché rendeva fertili le terre e odiato per ovvi motivi La città è la risultanza di una stratificazione di dominazioni e popoli che si sono succeduti sul suo suolo, certamente ricco di storia, lo prova il fatto che fu capitale del regno delle due Sicilie, qui sono passati i Greci, Romani, Bizantini, Spagnoli, Saraceni, Normanni, lasciando del loro passaggio varie testimonianze.

Napoli è una delle città più visitate d’Italia, grazie ai numerosi Bed and Breakfast, si può pernottare con comodità e costi contenuti, grazie all’imperatore Federico II, ha una delle università più antiche e prestigiose d’Europa, sotto gli Angioini e gli Aragonesi, acquistò prestigio e fiorirono le arti, tutti i regnanti contribuirono a dare alla città un aspetto regale e magnifico. Castel Nuovo, o meglio il Maschio Angioino, incombe su Napoli, sorge sulla Piazza Municipio, la fortezza, voluta da Carlo D’Angiò, dominava con la sua immensa mole, il porto. Chi non ha mai sentito parlare di Spaccanapoli, una delle arterie più celebri di Napoli, che divide in due il centro storico, un lungo budello dove si rincorrono monumenti, opere d’arte, e palazzi ricchi di storia e cultura. Importanti tesori artistici si trovano in numerose piazze, come Piazza Dante, Piazza del Gesù Nuovo, Piazza San Domenico Maggiore, la Piazzetta Nilo, dove si trova la statua del dio Nilo, risalente a oltre duemila anni fa.

Proprio da qui si entra nella via, forse, più antica della città Via San Biagio dei Librai, uno dei tre decumani risalenti all’epoca greco-romana, zona molto turistica, con negozietti e botteghe. Qui si incrocia la strada del presepe, San Gregorio Armeno, e si arriva all’ingresso dei sotterranei della città, in Piazza San Gaetano.Altra via per lo shopping è via Toledo. Sul lungomare, da Margellina a Santa Lucia, si estende la via Caracciolo, in zona accoglienti Bed and Breakfast Napoli, propongono la colazione con la tipica sfogliatella, magari affacciati sul Golfo di Napoli. La via delle boutique eleganti è senz’altro Via Chiaia e la piazza più famosa della città è Piazza del Plebiscito, all’interno della quale si trovano quattro importanti monumenti: la Chiesa di San Francesco di Paola, il Palazzo Reale, il Palazzo Salerno ed il Palazzo della Foresteria, al centro sono poste due statue equestri del Canova.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *