breaking news

I “caporabballi” del Carnevale di Montemarano

febbraio 7th, 2009 | by Red
I “caporabballi” del Carnevale di Montemarano
Bed & Breakfast
1
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

In Campania, il carnevale di Montemarano, una cittadina in provincia di Avellino, è da secoli una manifestazione folkloristica molto importante per il paese. La caratteristica principale è il ballo in costume tipico della zona, la cosiddetta “tarantella Montemaranese”, nella quale si cimentano piccoli e grandi. E’ una tarantella nata in questo paese, dalle note del musicante Domenico Ambrosino. Altra caratteristica tipica di questo carnevale è il giro della popolazione per le strade, tipo processione.

Importante in questa ricorrenza sono alcuni personaggi chiamati caporabballi vestiti di bianco, con un mantello rosso, un cappellone lungo bianco e bastone, assomigliano a Pulcinella, che fanno da capostipiti nella regolazione del flusso di gente per le strade. Alcune persone del luogo impersonano il ruolo di “caporabballo” (capo del ballo) incaricate di guidare le mascherate lungo il paese, disciplinare i cortei e dirigere il ballo. Nel passato diventava caporabballo colui che nella società aveva una posizione inferiore e in quei giorni, invece, era il padrone, con il bastone in mano che fungeva da scettro.

Anche quest’anno, come l’anno scorso, nell’Auditorium comunale della scuola Media Onnicomprensiva, ci sarà l’assegnazione del Premio Nazionale di cultura e di tradizioni popolari “Caporabballo d’argento”. L’anno scorso, il riconoscimento, alla sua prima edizione, è andato al cantautore Enzo Gragnaniello, per aver saputo cogliere e interpretare con magistrali e innovative composizioni i sentimenti più nascosti dell’anima popolare. Tutto questo rende la manifestazione molto suggestiva. In questo paese c’è un detto “S’Antuono maschere e suoni”, perché qui il carnevale inizia il 17 Gennaio, festa di S. Antonio Abate. Non termina, come di consueto, il martedì grasso, ma la domenica successiva alle ceneri, con la processione dietro al feretro del Carnevale morto, poi con la tarantella Montemaranese e la rottura della pignata dalla quale cadono confetti, caramelle e cioccolatini, che stanno a rappresentare un buon auspicio per il prossimo raccolto. Per soggiornare nessun problema negli alberghi e bed and breakfast della località o della provincia, tra i quali da segnalare il bed & breakfast “Antica Rocca Fiorilli” e la Pensione Bar Milano.

Foto | Flickr

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

One Comment

  1. ortis says:

    Ci sono stato nel 2006 ed è da non perdere assolutamente!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *