breaking news

Nel 2012 un hotel nello spazio con la Galactic Suite

gennaio 8th, 2010 | by Red
Nel 2012 un hotel nello spazio con la Galactic Suite
Hotel & Resort
1
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Un soggiorno nello spazio è un sogno che diverrà presto realtà per tutti gli appassionati, che potranno trascorrere tre notti presso un esclusivo Hotel, il Galactic Suite Space Resort, i cui lavori di realizzazione saranno ultimati nel 2012. La notizia è stata resa nota dalla società spagnola Galactic Suite, autrice del progetto che conta di mandare in orbita terrestre la capsula-albergo a una distanza di 450 Km dalla superficie del nostro pianeta ad una velocità di 30.000 Km all’ora.

L’hotel in sé sarà fatto di moduli prefabbricati preparati interamente sulla Terra e poi assemblati nello spazio e disporrà, tra le altre cose, di una hall e di un’area fitness. I futuri ospiti, che finora si sono prenotati in 38 e tra i quali ci sono molti artisti e vip, potranno vivere questa incredibile ed inconsueta esperienza previo un addestramento di 8 settimane su un’isola dei tropici e, una volta in orbita, potranno veder sorgere il sole ben 15 volte e fare un giro completo intorno alla Terra per 80 volte, vivendo così una piccola grande avventura, che scorre a ritmi velocissimi e in cui le dimensioni del tempo e dello spazio sono percepite in modo del tutto diverso dal solito.

La capsula dovrebbe ospitare due astronauti piloti e quattro clienti, che raggiungerebbero la stazione orbitante dopo circa 36 ore di viaggio. Il tutto si potrà avere ad un costo di 3 milioni di euro a persona.

Una villeggiatura davvero originale e non proprio alla portata di tutti dunque, ma che sarà davvero difficile da dimenticare per quei pochi che potranno raccontare di averla vissuta.
Un viaggio che regalerà emozioni diverse, straordinarie, un’esperienza che si vive una volta nella vita e particolarmente indicata per chi ha voglia di assaporare il gusto di qualcosa che rimarrà ignoto ai più, per coloro che vogliono conoscere, esplorare e lanciare una sfida a se stessi, mettersi alla prova e misurarsi con situazioni del tutto fuori dal comune.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

One Comment

  1. pdellov says:

    Ora costa 3 milioni, il progresso comunque fa paura, chissà se magari fra una 30ina d’anni questi viaggi diventeranno più accessibili: ho sempre visto lo spazio come una specie di Oceano Atlantico del 1400 visto oggi.
    Ora che il mondo diventa relativamente piccolo ecco già nuove opportunità.. viva il progresso!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *