breaking news

L’Italian Carnival a Dublino

gennaio 29th, 2009 | by Red
L’Italian Carnival a Dublino
Bed & Breakfast
2
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Dublino festeggia il suo Carnevale dal 12 al 22 agosto, però a febbraio festeggiano il Carnevale Italiano (Italian Carnival), facendo feste private in casa tra amici e indossando le maschere tipiche italiane, da Arlecchino ai personaggi televisivi in vogue in questo periodo. Sia i grandi che i piccoli indossano i costumi carnevaleschi. Queste feste iniziano verso le nove di sera e terminano verso le due, tra una cena con piatti tipici della cucina italiana, balli, canti, giochi di società, lancio di coriandoli e stelle filanti. Questo perché a febbraio il tempo non permette di uscire per strada. Poi, però, ci si sbizzarrisce ad agosto, a combinarne di tutti i colori per strada.

In Irlanda questo è il periodo giusto per poterla visitare a poco prezzo. Il soggiorno è Dublino è molto economico e adatto a tutti. A l’Harcout hotel si parte da 40 € a notte mentre al bed & breakfast Celtic Lodge il prezzo è 30 € a notte. Per raggiungere in volo l’Irlanda dall’Italia c’è la compagnia aerea Aer Lingus e altri voli low cost come quelli della compagnia aerea Aer Arann, ma anche Air France e KLM.

Chi va a Dublino deve assaggiare i piatti tipici locali. La cucina tradizionale irlandese è povera ma sostanziosa. Alcune volte, nei locali alla moda, i cuochi cucinano le pietanze locali come lo stufato irlandese, Irish Stew, il Champ, purè di patate e scalogno, il Drisheen, una zuppa di agnello. Di pomeriggio nei bar si può assaporare il thè accompagnato da dolcetti. A Dublino la birra è il simbolo della città; la Guinness è bevuta dovunque e accompagna tutti i pasti dei dublinesi. Anche il whiskey e l’Irish coffee sono bevande che hanno un posto di rilievo nella cultura irlandese.

I Celti fondarono la città di Duh Linn. Nel IX secolo, alcuni pirati vichinghi vi costruirono una fortezza. Nel 1170, Dublino fu conquistata dai Normanni che costruirono il famosissimo castello e fortificarono la città. Nel 1172 Dublino raggiunse il suo massimo splendore e potere. Quando cominciò a nascere il commercio marittimo lo sfruttamento dei contadini irlandesi favorì la nascita di una ricca borghesia. Dopo la rivolta degli United Irishmen la città entrò in decadenza. Al momento della rivoluzione industriale Dublino era una delle città più povere d’Europa, ma fortunatamente la città conobbe una straordinaria rinascita culturale alla fine del XIX secolo.

Per coloro che si recano a Dublino, non possono non visitare il Dublin Castle che sorge su Cork Hill, struttura normanna duecentesca di cui è sopravvissuta la Record Tower. Il Dublin Castle sorge nel cuore del lato sud del centro storico. Dal giardino del castello è possibile accedere al museo dove ci sono scritti antichi e miniature preziose di tutte le culture e religioni. La Christ Church Cathedral si trova dentro le mura della città, è stata fondata nel 1037 ed è la più vecchia cattedrale di Dublino. Poi c’è il Trinity College che è la più importante università irlandese fondata da Elisabetta I nel 1592. Il fiore all’occhiello di quest’università è il Book Of Kells, un manoscritto di dodicimila anni fa. La Custom House è una delle costruzioni georgiane più belle, la facciata sud si affaccia sul fiume, mentre la facciata nord sulla georgiana Gardiner Street. La Cattedrale di St. Patrick fu costruita nel 1255. Dal 1320 e per i due secoli successivi fu sede della prima università del Paese.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

2 Comments

  1. ortis says:

    mi ha fatto molto piacere vedere che anche in altre parti del mondo festeggiano le nostre tradizioni, in più devo dire che è semplicemente stupendo questo articolo su Dublino, la sua storia, le sue tradizioni, le opere d’arte che custodisce. Sei molto brava fai venire proprio voglia di visitarli certi posti!

  2. linda says:

    Dublino mi hanno detto che è da vedere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *