breaking news

Il fascino di Parigi nelle dimore storiche

gennaio 3rd, 2009 | by Red
Il fascino di Parigi nelle dimore storiche
Dimore storiche
2
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Il fascino di Parigi non sta solo nei monumenti, ma anche negli alberghi che prima di essere tali erano dimore storiche e hanno ospitato tantissime persone illustri.

Hotel de Crillon 10, Place de la Concorde. Un tempo, quando era un palazzo privato, abitavano qui l’inventore del parafulmine Beniamino Franklin e il ministro presso la corte di Francia Thomas Jefferson. Maestoso e splendido, co­lonne con quasi venti tipi di­versi di marmi, tappeti di inestimabile valore, il Crillon spazia su una delle più belle piazze del mondo, la vastissima Place de la Concorde. La suite presidenziale è quella preferita sia da Madonna che da Arnold Schwarzenneger. il Crillon ha uno stile appariscente e sofisticato. La stilista-designer Sonia Rykiel ha rinnovato l’hotel in stile Luigi XV. Il lusso si può ammirare attraverso i suoi soffitti dipinti a mano, le decorazioni in cristallo Baccarat, gli orologi rari del XVIII secolo ed i camini di marmo. La Suite Duc de Crillon è la camera dove sono esposti i ritratti dei clienti più famosi che ha ospitato nel tempo. Il ristorante è uno dei migliori della capitale.

Hotel de Meurice 228, rue de Rivoli. E’ un albergo di lusso, di fronte ai giardini delle Tuileries a qualche metro dalla piazza della Concorde e dal museo del Louvre. Soprannominato “l’Hotel dei Re”, ha ospitato dalla Regina Victoria e il Maharajah di Jaipur al Re e alla Regina di Spagna. Nostalgia di madeleine e di arpe nel grande salone “Pompadour” tra mosaici, cuscini fioriti, bagni in marmo rosa, bouquet di fiori. Il ristorante è uno tra i più belli della città, i candelabri illuminano le tovaglie in damascato e le porcellane di Limoges. E ogni camera è caratterizzata da antichi dipinti famosi, coperte orientali e mobili di Luigi XV,XVI stile Impero. La tradizione di ospitalità dell’italiana Cigahotels in un palazzo nel cuore della vecchia Parigi.

Hotel Plaza Athénée 25, avenue Montagne. Un hotel che mescola l’eleganza del XVIII secolo con l’Art Déco. Un palazzo bianco, con colonne di marmo, avorio, tappeti e boiserie color crema, bellissimi arredi d’autore. Il Gotha musicale, da Lorin Mazeel a Karayan, che ci venne fino agli ultimi giorni di vita, da sempre si dà appuntamento qui, nel salone Cobelins affacciato sul patio risplendente. Il vecchio ristorante Relais Plaza, in stile Art Déco, e la Galleria des Cobelins sono arredati con tende di seta e lampadari stile antico. Il nuovo ristorante Alain Ducasse offre una cucina raffinata di eccellente livello. Questo grande chef è conosciuto per il suo menu formidabile, la lista di vini eccezionale e l’ospitalità impagabile.

Hotel Raphael 17, avenue Kléber. È stato il nido della luna di miele di Roberto Rossellini e Ingrid Bergman, la residenza preferita di Ernst He­mingway, di Elia Kazan. Scintillante di specchi, cristalli, marmi preziosi, il Raphael è il luogo ideale per un soggiorno parigino all’insegna del lusso e dell’intimità.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

2 Comments

  1. ortis says:

    meravigliosa Parigi almeno una volta nella vita bisognerebbe visitarla ed i suoi alberghi non sono certo più cari di quelli di molte città italiane

  2. linda says:

    Quanto è bella Parigi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *