breaking news

Dolomiti, la vacanza che conviene: i bambini non pagano

ottobre 14th, 2016 | by Red
Dolomiti, la vacanza che conviene: i bambini non pagano
#Sleepy
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Si avvicina il ponte dell’Immacolata e di pari passo cresce la voglia di cominciare a prendere confidenza con la montagna. Il chiodo fisso è quello, c’è poco da fare: io e la mia famiglia amiamo le Dolomiti. E presto ci torneremo.
Queste montagne – Patrimonio dell’umanità Unesco – e i suoi villaggi sono belli in ogni periodo dell’anno, in verità.

Le amiamo nel periodo estivo per le escursioni, le adoriamo l’inverno per le sue piste da sci, per le tante opportunità di svago per i miei figli e per l’organizzazione nel suo complesso.

Per i miei soggiorni da queste parti ho trovato un “quartier generale” davvero interessante: a Borca di Cadore, a pochi minuti dalla rinomata Cortina d’Ampezzo, ho scoperto quasi per caso una struttura che ci ha messo davvero poco a farmi innamorare: è il Dolomiti Mountain Resort.

Tre motivi per regalare un soggiorno sulle Dolomiti alla tua famiglia

Io, mia moglie e i miei pupi l’abbiamo apprezzato ognuno per un motivo diverso: la mia dolce metà non sa resistere alle coccole dei due centri Wellness gestiti dalla struttura; io ho apprezzato la confortevolezza e le prelibatezze culinarie ampezzane; i miei piccoli si sono divertiti un mondo nell’Happy Park durante il periodo estivo, mentre l’inverno scorso hanno scoperto che per loro c’era anche una pista per pattinare sul ghiaccio.

Insomma: a ognuno al suo. Ma se da qualche giorno canticchio “per quest’anno non cambiare, stessa montagna stesso hotel”, c’è un’altra buona ragione. La convenienza.

Speciale famiglie: soggiorno gratis e maxi sconti per i più piccoli

Eh sì, perché andando a zonzo sul web ho scoperto che per i bambini il soggiorno è gratis. Proprio così: il Dolomiti Mountain Resort di Borca di Cadore aderisce all’iniziativa “Speciale famiglie – Inverno 2016-17”, promossa dal Consorzio Promozione Turistica “Cadore Dolomiti”.

Tradotto in soldoni (anzi, in risparmio), significa che i bambini fino a 8 anni di età non pagano per la loro vacanza. In più possono usufruire di uno skipass gratuito (uno per ogni adulto pagante) e ottenere un bel 30% di sconto nel caso in cui desiderino seguire qualche lezione di sci.

Non male, vero? Questa promozione è attiva dall’11 dicembre 2016 al 22 dicembre 2016 e dall’8 gennaio 2017 al 5 febbraio 2017. C’è tutto il tempo per organizzarsi e approfittarne. A maggior ragione perché a ridosso delle festività ci sono i tipici mercatini di Natale della zona da visitare, compreso quello della vicinissima Cortina.

L’ora del relax: ingresso gratuito ai due centri benessere

Un modo originale e al tempo stesso conveniente per lasciarsi trasportare dall’atmosfera natalizia, calati in un paesaggio fiabesco qual è quello delle Dolomiti. Uno scenario che rende meglio l’idea del Natale, quello con la neve e con la voglia di godersi il calduccio e una bevanda calda dopo aver trascorso una giornata da sfinimento sulle piste da sci.

Anzi, dopo tanta fatica, forse è addirittura meglio concedersi qualche ora di totale benessere. C’è solo da scegliere: stando in hotel si può accedere direttamente al “Wellness Le Coccole” per una sauna, un massaggio, per un bagno turco, per sorseggiare una tisana o per prendere un po’ di sole sulla terrazza solarium.

Nel parco privato, invece, c’è la “Corte Spa”: 2mila mq di benessere con piscina panoramica coperta, palestra fitness con tanto di tv su ogni macchinario, oasi thermarium e un’altra… montagna di piacevolezze, con ogni tipo di trattamento benessere, dai massaggi shiatsu alle docce emozionali.

A proposito: per i clienti del Dolomiti Mountain Resort l’ingresso alle due strutture è gratuito. Una tentazione bella e buona… alla quale, per dirla con Oscar Wilde, è impossibile resistere.

A tavola con il gusto delle specialità ampezzane

Altrettanto difficile, se non impossibile, resistere alle creazioni provenienti dalla cucina. Dite che se ne può fare a meno?

Provate i casunzei e gli spaghetti al sugo di mirtilli, assaggiate la polenta con i funghi, un tagliere con speck e formaggi locali o uno strudel (tanto per chiudere in bellezza) e poi ne riparliamo.

Ma non ora, sono impegnato: devo preparare le valigie. Dolomiti, stiamo arrivando!

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *