breaking news

Scopriamo l’Aquila tra natura, storia ed arte

maggio 17th, 2010 | by Red
Scopriamo l’Aquila tra natura, storia ed arte
Bed & Breakfast
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

L’Aquila, capoluogo della regione Abruzzo, è situata a 714 metri di altitudine su di un colle alla sinistra del fiume Aterno, in una vasta conca tra il Gran Sasso d’Italia e il monte d’Ocre.

La città sorse nel XIII secolo per volere di Federico II dall’unione di 99 tra villaggi e castelli del territorio e per ricordare questa fusione ad Aquila furono costruite 99 chiese, 99 piazze e una stupenda fontana con 99 cannelle.

Nel Quattrocento divenne un importante centro culturale ed economico, il secondo del regno angioino e successivamente aragonese, dopo Napoli.

Passata sotto il dominio della Chiesa, incominciò lentamente la sua decadenza e agli inizi del Cinquecento entrò a far parte dei territori dei nuovi re spagnoli di Napoli.

State iniziando ad incuriosirvi? Volendo è possibile visitare la città spendendo poco, magari pernottando presso uno dei numerosi bed and breakfast all’Aquila.

Nei pressi di Tempera, una frazione dell’Aquila, si trova il Parco territoriale delle Sorgenti del fiume Vera, un’area di circa 30 ettari caratterizzata da pioppi neri e diverse specie di salici nonché dalla presenza di faine e di volpi e di varie specie di volatili, quali il picchio verde, il rampichino, il pigliamosche, la ballerina bianca e quella gialla. Il parco si può visitare servendosi di un percorso pedonale e ciclabile che da Tempera conduce alle sorgenti del fiume Vera.

La città fa parte, inoltre, del Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga, un’area protetta ricca di bellezze naturalistiche quasi incontaminate e di splendide varietà di animali, tra cui il camoscio d’Abruzzo, il lupo e l’aquila reale.

L’Aquila non è solo natura ma anche cultura e arte grazie alla sua importante Università e alle pregevoli testimonianze del passato.

Tra i monumenti storici più importanti della città vanno ricordati la basilica di Santa Maria di Collemaggio (XIII secolo) in stile romanico gotico-abruzzese, dove fu incoronato papa Celestino V, protettore della città; la basilica di San Bernardino (XV sec.) con una bella facciata in forme rinascimentali e con una grandiosa scalinata; il castello fatto costruire dagli spagnoli nel Cinquecento, sede del Museo Nazionale d’Abruzzo dove sono esposti reperti archeologici e quadri di pittori abruzzesi, sculture in legno e oggetti di oreficeria; la Fontana delle 99 cannelle, simbolo cittadino (XIII sec.), opera dell’architetto Tancredi da Pentima.

Nel territorio de L’Aquila si possono visitare anche l’area archeologica di San Vittorino, dove si trovano i resti della città romana Amiternum (un anfiteatro, un teatro e una villa imperiale) e, sotto la chiesa di San Michele Arcangelo, le catacombe paleocristiane.

Dalla città si può raggiungere in poco tempo il massiccio del Gran Sasso dove, oltre ad ammirare splendide attrattive naturalistiche, si può sciare in importanti località del territorio.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *