breaking news

Eco hotel, come pulire il mondo dormendo tra i rifiuti

febbraio 3rd, 2011 | by M.An.To
Eco hotel, come pulire il mondo dormendo tra i rifiuti
Primo Piano
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Dormire tra dodici tonnellate di rifiuti. No, non è una protesta napoletana o l’ultima trovata di un trash humpers (amanti della spazzatura). È un vero e proprio albergo, progettato dall’eco-artista tedesco Ha Schult, che nelle scorse settimane ha catalizzato l’attenzione di migliaia di visitatori alla Fiera internazionale del Turismo di Madrid. Solo in 10 però hanno potuto dormirci, fortunati estratti a sorte su Facebook.

Stiamo parlando del Beach Garbage Hotel, realizzato interamente con i rifiuti raccolti sulle spiagge di tutta Europa dai gruppi di ecologisti di Save the Beach, perfettamente sterilizzati e igienizzati. Ma questa non è l’unica struttura della “catena”: un albergo simile è già apparso a Roma, il Corona Save the Beach per l’esattezza, aperto in occasione della Giornata internazionale della Terra.

Un albergo insomma che vuole essere un messaggio di denuncia del degrado che regna sui litorali europei e che accende i riflettori sul tema dell’eco sostenibilità, sempre più al centro dell’attenzione in questi ultimi anni. Non a caso il 16 febbraio prossimo a Milano si terrà il primo convegno nazionale Eco Word Hotel, organizzato con lo scopo di mostrare al management delle strutture tutte le novità in materia di eco sostenibilità e soprattutto si daranno le direttive da seguire per poter acquisire il marchio di eco hotel.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *