breaking news

Israele 2011, guardando al futuro

luglio 28th, 2011 | by Red
Israele 2011, guardando al futuro
#Sapevatelo
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

“A Gerusalemme si prega, a Haifa si lavora e a Tel Aviv ci si diverte” così recita un vecchio detto, che come tutte le massime, ha un fondo di verità. Gerusalemme è il centro del mondo per tante culture, non solo quella ebraica. Culla del cristianesimo e dell’islam, è una città da considerarsi eterna, che ad oggi vive serenamente un presente fatto di stimoli e opportunità: è una città molto giovanile.

Israele è uno stato piccolo, oltre che giovane: grande come l’Emilia Romagna, conta un patrimonio culturale e artistico pressochè illimitato, che garantisce una solida base per il turismo interno e internazionale. I last minute Israele sono ad oggi una delle formule più vendute, specialmente on line, come specifica Lastminutebest.it , sito di viaggi e vacanze dove è possibile prenotare qualcunque tipo di viaggio: moltissimi italiani sono incuriositi da Israele, over 40 ma anche moltissimi giovani, attirati dalla vita movimentata e cosmpolita di Tel Aviv, letteralmente “collina di primavera”.

Inserita in molti tours, oltre che nelle tratte di diverse crociere tra cui quelle Costa Crociere, i turisti di tutto il mondo hanno ormai superato i timori di ogni sorta e si sono concessi sempre più spesso, negli ultimi anni, delle vacanze nel paese. Molte volte i tours sono scelti per la possibilità di giungere nelle città israeliane e partire poi alla scoperta dell’intero paese, baluardo di modernità e custode di una storia millenaria.

Le attrazioni più gettonate possono essere divise in categorie: la vita balneare, dunque le rive bagnate dal Mediterraneo, la movida notturna internazionale di Tel Aviv, le escursioni molto significative e toccanti a Gerusalemme, e ancora i deserti, e le montagne e gli uliveti. Ad oggi Israele è un paese futurista a tutti gli effetti: all’avanguardia nel campo della ricerca, della cultura con le sue prestigiose università, dell’arte e della musica, si appresta a diventarlo anche nel settore turistico, che comunque costituisce un buon motore per l’economia del paese.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *