breaking news

Viaggio nelle grapperie e distillerie d’Italia

ottobre 4th, 2008 | by Asia
Viaggio nelle grapperie e distillerie d’Italia
Eventi
1
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

A partire da domenica 5 ottobre 2008 per tutti gli amanti di grappe e distillati inizia una settimana ricca di appuntamenti per scoprire come si producono, la loro storia, le tradizioni e i legami con il territorio.
Ebbene si, non una semplice “festa al grappino”, ma un vero viaggio alla scoperta della cultura che gravita intorno alla produzione dei distillati italiani.

Si parte da “Grapperie Aperte” per conoscere  le distillerie dell’Istituto Nazionale Grappa e incontrare i maestri distillatori presenti in tutta Italia. I visitatori, ospiti nelle loro aziende, avranno modo di ascoltare la storia e i segreti che si cela dietro la produzione, osservare gli alambicchi, inebriarsi al profumo delle vinacce fumanti e vedere sgorgare la grappa appena distillata.
Tanti gli eventi speciali organizzati per l’occasione, dalle visite guidate in distilleria alla degustazione di grappe in abbinamento alle particolari specialità del territorio o in accostamento ad alimenti come il cioccolato, esposizione di materiale storico delle aziende e mostre fotografiche, lezioni sulle preparazioni a base di grappa come aperitivi e cocktail o corsi di avvicinamento alla grappa in chiave femminile. Per citarne solo alcuni, in Valle d’Aosta, a La Valdôtaine (località Saint Marcel), ci sarà la degustazione del “prosciutto crudo di Saint Marcel” e di ricette a base di cioccolata studiate e create in esclusiva per la degustazione con selezionate grappe d’autore, mentre in Sicilia alla Trapas, Conte Alambicco di Sicilia a Petrosino, le degustazioni di grappa saranno in abbinamento al sigaro toscano, cioccolata modicana con la presenza di un cioccolatiere che preparerà in diretta i cioccolatini alla grappa, panettoni siciliani e le cremolose, tipicità palermitana. L’evento in Sicilia sarà, inoltre, occasione per inaugurare il primo “Museo dell’alambicco” nel meridione d’Italia, esempio di archeologia industriale ed esposizione di reperti, dai primi dell‘800 all’inizio del ‘900. Da non perdere sarà la rimessa in funzione, per un giorno e per la prima volta dopo tanto tempo, di una Deroy, una macchina francese datata 1834 che funzionerà, come una volta, grazie al carbone e al fuoco della legna.

Clicca qui per conoscere quali sono le Grapperie Aperte il 5 ottobre  scorrendo la mappa, o per conoscere in dettaglio il programma degli eventi in ciascuna azienda.

Sempre in tema di distillati, in una regione più circoscritta, il Veneto, con inizio il 5 ottobre e per l’intera settimana fino al 12, a Vicenza c’è la dodicesima edizione di “Distillerie Aperte”, altro evento per gli appassionati ma anche per i curiosi di conoscere questo mondo che ha del magico.
Tra alambicchi, vinacce, aromi e mastri distillatori, un’intera settimana dedicata a grappe e liquori, con sei aziende del territorio che aprono le loro porte ai visitatori. Le distillerie visitabili sono le Distillerie Dal Toso Rino e figlio di Ponte di Barbarano, Distilleria F.lli Brunello di Montegalda, Distilleria Li.dia di Villaga, Poli Distillerie di Schiavon, Distilleria Schiavo di Costabissara e Distilleria Cavazza di Alonte. Tutte saranno visitabili domenica dalle 10 alle 18, mentre dal lunedì al sabato dalle 14 alle 18 e solo su appuntamento.

Distillerie Aperte 2008 è accompagnata dalla “Ronda della Grappa”: basterà riempire l’apposito coupon con i timbri di tutte e sei le distillerie per ricevere in omaggio i prodotti enogastronomici tipici vicentini, offerti per l’occasione dal Consorzio ‘Sapori del Palladio’. Contestuale all’evento è l’iniziativa “Metti la Grappa nel Menù” che permetterà di gustare quotidianamente presso una rosa di ristoranti locali piatti che prevedono l’utilizzo o l’abbinamento con la grappa vicentina.

I due eventi ricadono nel periodo più appropriato quando i produttori sono impegnati nella distillazione dell’acquavite.
Coloro che lo vorranno potranno assistere così alle varie fasi di lavorazione delle vinacce, vedere alambicchi e caldaiette fumanti, capire come nasce la grappa e, naturalmente, assaggiarne le varie tipologie: giovani, invecchiate o di monovitigno, distillati d’uva e di frutta provenienti anche da coltivazioni biologiche. Tutto sotto la guida attenta e competente dei Mastri distillatori.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

One Comment

  1. elmastrograsparo says:

    Capisco che sarà tardi parlare della mia Grapperia ma è sempre interessante sapere che si possono trovare e gustare 170 gusti di grappe con 39 aziende Distillerie. El Mastro Grasparo situato c/o la Trattoria Pragolin a Romano d’Ezzelino (VI). (www.elbrigante.it) (www.elmastrograsparo.it)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *