breaking news

Sanremo, la città dei fiori, del Casinò e del Festival

febbraio 17th, 2009 | by Red
Sanremo, la città dei fiori, del Casinò e del Festival
Eventi
1
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Sanremo è la città dei fiori, la città del Casinò e ovviamente la città del Festival. Dal 17 al 21 febbraio, Raiuno propone il festival di Sanremo del 2009, che si svolge in cinque prime serate. Tutto è ormai definito: il presentatore, le canzoni, i cantanti, le bellissime “super ospiti“. Il Festival nacque nel 1951 e occupava solo tre serate dal lunedì al mercoledì del 29, 30, 31 gennaio e fu trasmesso esclusivamente dalla radio alle ore 22 sulla rete rossa (l’altra era quella azzurra), perché in Italia non c’era ancora la televisione.

Nunzio Filogamo, lo presentò con queste parole: «Signore e signori, benvenuti al Casinò di Sanremo per una eccezionale serata organizzata dalla Rai, una serata della canzone con l’orchestra di Cinico Angelini. Premieremo, tra le 240 composizioni inviate da altrettanti autori, la più bella canzone dell’anno. Le venti canzoni prescelte vi saranno presentate in due serate e saranno cantate da Nilla Pizzi, Achille Togliani e il duo vocale Fasano».

Nella finalissima della terza serata prevalse “Grazie dei fior” di Testoni-Panzeri-Seracini con la voce di Nilla Pizzi. Si era classificata prima con i voti di un pubblico che aveva pagato 500 lire, per cenare, ascoltare le canzoni nel salone delle feste del Casinò e decidere a quale delle finaliste in concorso andava assegnata la palma della più bella.

Riuscirà Bonolis, conduttore dell’evento, a risollevare le sorti di una manifestazione che negli ultimi tempi ha avuto esiti deludenti? Il Festival esordì nel 1951, ma solo nel 1955 esplose la “febbre delle canzoni“. Nelle edizioni successive la Rai accantonò questo generoso ma rigido tentativo di arginare il profluvio di canzoni a vantaggio di una linea editoriale alternativa al nazional-popolare. E Sanremo diventò quello che è anche oggi: un vero e proprio affare mediatico. Perciò il possibile calo degli ascolti è vissuto come un’autentica calamità.
Ecco perché dopo l’ulteriore segno di recessione dell’edizione del 2008 si è scritturato un Paolo Bonolis, frizzante e mediatico Don Chisciotte televisivo da qualche tempo alla ricerca del “senso della vita” e, ora, del “senso della musica”. Lo affianca il suo abituale Sandro, l’elastico e duttile Luca Laurenti. E cinque “super donne” per svelare, sera dopo sera, la luminosa ferinità della bellezza.
L’impresa che li attende non è semplice. Tra le canzoni in gara alcune devono essere belle, anzi bellissime e, soprattutto, comunicare subito emozioni musicali in chi le ascolta. Ma non basta. Tutti i protagonisti dell’imminente spettacolo vinceranno la sfida se riusciranno ad assemblare di nuovo, dinanzi alle serate televisive, quei milioni di spettatori che, da qualche anno, snobbano Sanremo. Solo se questo accade, il giallo del festival sarà davvero risolto.

Chi vuole assistere al Festival al Teatro Ariston di Sanremo e cogliere l’occasione per visitare questa bellissima città della Liguria, ha un’ampia scelta di soggiorni. Tanti gli alberghi a Sanremo, dal Royal Hotel a cinque stelle, all’Europa Hotel, Eveline Portosole, Festival Hotel, Anglais Hotel, Miramare Continental Palace Hotel, Nazionale Hotel e al Nyala Hotel, tutti a quattro stelle. Oppure per risparmiare si può scegliere tre gli Hotel a tre stelle come l’Ariston Montecarlo Hotel, Bel Soggiorno Hotel o Belvedere, al due stelle come Alexander Hotel, Riviera Hotel o Sole Mare Hotel, alle pensioni Splendor Hotel, Stella Hotel, Washington Hotel o soggiornare negli agriturismo Cà du Rampillu o Collemare. Il Festival di Sanremo è un evento particolare che andrebbe visto almeno una volta nella vita. E che vinca il migliore!

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

One Comment

  1. ortis says:

    Natasha non mi deludi mai: scrivi sempre dei bellissimi articoli!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *