breaking news

Nella splendida Napoli è in corso “Ritorno al Barocco. Da Caravaggio a Vanvitelli”

gennaio 23rd, 2010 | by Red
Nella splendida Napoli è in corso “Ritorno al Barocco. Da Caravaggio a Vanvitelli”
Arte & Cultura
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Nella splendida città di Napoli e nel territorio circostante è in corso “Ritorno al Barocco”, una rassegna che vuole raccontare il barocco come passione per la vita oltre che per l’arte, focalizzando l’attenzione sui progressi ottenuti grazie agli studi degli ultimi 30 anni, condotti sugli aspetti che caratterizzarono la cultura artistica partenopea dall’arrivo del Caravaggio nel 1606 alla presenza in città di Luigi Vanvitelli e Ferdinando Fuga, fino alla partenza di Carlo di Borbone per la Spagna, nel 1759.

L’evento, che continuerà fino all’11 Aprile 2010, si articola in un programma ricco di appuntamenti, a partire dalle mostre allestite in sei musei cittadini tra cui il Museo di Capodimonte e il Palazzo Reale e altre iniziative che concernono l’arte, l’architettura, la musica e il teatro.

La rassegna vuole anche evidenziare nel dettaglio le tendenze, i comportamenti e i caratteri peculiari della realtà napoletana in età barocca.

La città di Napoli, segnata fin dall’inizio del XVII secolo, da contraddizioni e contrasti continui, da vizi e virtù, da grande ricchezza, ma anche da estrema povertà, è stata sempre concepita, nell’immaginario collettivo, come un vasto scenario dove l’umana condizione si rappresenta nelle sue molteplici sfaccettature, dove la storia si intreccia al mito e la realtà alla fantasia.

Il barocco sembra dunque essere la sintesi di tutto ciò che sono stati e sono Napoli e i napoletani, percepita come un continuum che tende all’infinito, nel quale coesistono antico e nuovo, passato e presente, nella rappresentazione più autentica e realistica di questa affascinante città dai mille volti, così quale apparve ai tanti viaggiatori, italiani e stranieri, che la visitarono dal Seicento al primo Ottocento.

Una rassegna straordinaria, testimonianza dell’inestimabile e peculiare patrimonio artistico, storico e sociale di questa piccola grande realtà, delle sue tradizioni, dei suoi costumi, delle sue canzoni, dei suoi colori, che la rendono unica al mondo e che catturano per sempre la sensibilità e il cuore di chi viene a visitarla.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *