breaking news

Napoli tutta da vivere con il “Maggio dei Monumenti”

aprile 27th, 2015 | by Red
Napoli tutta da vivere con il “Maggio dei Monumenti”
#Sapevatelo
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

«Napul’è mille culure», cantava l’immenso Pino Daniele. Come non dargli ragione? La città ai piedi del Vesuvio non è semplicemente la patria della pur ottima pizza al pomodoro, non è solo mandolini e Pulcinella. Non è solo la simpatia contagiosa dei suoi abitanti. È anche un infinito serbatoio di arte.

E non poteva essere altrimenti, visto che Napoli è crocevia di popoli e culture variegate sin dall’antichità. Lo si capisce anche dalle grandi opere d’arte presenti in città. Proprio così: spesso distratti sempre dalle brutte notizie (a volte confezionate al solo scopo di denigrare questa città), ci si dimentica dei sui immensi tesori.

Sì, ma quando conviene visitarla? Tranquilli, cari «vaggiomaniaci», ve la segnaliamo noi l’occasione giusta per trascorrere un week end elettrizzante nel mese di maggio. Proprio in questo periodo, infatti, il capoluogo di regione campano si mette in mostra, offrendo a tutti la possibilità di conoscerla più a fondo, oppure di riscoprirla. E di viverla più intensamente. Stiamo naturalmente parlando del «Maggio dei Monumenti», alla sua XXI edizione.

Per tutto il mese visite, eventi e mostre

Dopo il prologo dello scorso fine settimana, dedicato a Giacomo Leopardi, in questi giorni si entra nel vivo della manifestazione con una montagna di appuntamenti in programma. Si annuncia un’edizione dai grandi numeri: stiamo parlando di oltre 600 percorsi, 200 eventi, 40 appuntamenti culturali e altrettante mostre d’arte.

Senza dimenticare il prezioso contributo della “Fondazione Napoli Novantanove”: durante tutto il mese di maggio (e fino al 2 giugno, quando calerà il sipario su questa iniziativa), saranno organizzate visite guidate per conoscere i monumenti più significativi di Napoli. E lo farà grazie alle scolaresche che hanno aderito al progetto «La scuola adotta un monumento».

Nel segno di Pino Daniele

Quest’anno più che mai, dunque, la manifestazione ricorderà i colori raccontati dall’indimenticabile Pino Daniele. Non a caso proprio a lui è stato dedicato il Maggio dei Monumenti, dal sottotitolo inequivocabile: “’O core ‘e Napule – Cori, cuori e colori di Napoli”.

Non potevano dunque che essere i colori a dare l’impronta a ognuna delle cinque settimane che daranno un tocco di vivacità in più alla bella Napoli.

Ogni settimana un colore diverso

Dal primo al 7 maggio – la settimana rossa – il tema dominante sarà quello del colore del sangue e della passione. Quella successiva (dall’8 al 14 maggio) sarà dedicata alla musica, ai cori e agli strumenti: stiamo infatti parlando della settima nera e bianca, i colori dei tasti del pianoforte.

Cielo e mare caratterizzeranno la settimana blu, in programma dal 15 al 21 maggio, mentre dal 22 al 28 maggio, la città si tinge di giallo: è il colore del tufo (materiale dominante dei palazzi) e dell’oro dei tesori custoditi nel capoluogo di regione partenopeo.

Il Maggio dei Monumenti si chiude all’insegna della natura con la settimana verde: dal 29 maggio al 2 giugno domineranno la scena i parchi, i giardini e i chiostri.

La mostra di Manara e le visite “accessibili”

Tra le mostre è da segnalare quella di Milo Manara (dal titolo: “Comicon”, di scena al Pan), mentre per quanto riguarda le visite guidate si può approfittare anche di quelle gratuite proposte dall’assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli (“I tanti colori di Napoli”, il titolo del programma).

“Scale di maggio”, invece, consentirà di avventurarsi lungo percorsi pedonali naturali che consentiranno di godersi gli scorci più suggestivi della città. Importante anche l’impegno dell’associazione “Peepul & Cosyforyou onlus” che organizzerà visite guidate su percorsi accessibili.

Insomma: ce n’è davvero per tutti. E soprattutto c’è un mese intero a disposizione per gustarsi grandi eventi e per riscoprire una meravigliosa città, Napoli, che è davvero un mondo a parte.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *