breaking news

La Pop Art di Andy Wahrol sbarca a Roma: dal 18 aprile mostra da non perdere a Palazzo Cipolla

marzo 20th, 2014 | by Red
La Pop Art di Andy Wahrol sbarca a Roma: dal 18 aprile mostra da non perdere a Palazzo Cipolla
Eventi
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

 

Per gli appassionati d’arte c’è un appuntamento nella Capitale da non perdere assolutamente: il 18 aprile sarà infatti inaugurata la mostra dedicata al padre della Pop Art: Andy Wahrol. Sarà ospitata nei locali di Palazzo Cipolla, nel cuore di Roma.

Sono oltre 150 le opere esposte; provengono dalla collezione di Peter Brant, uno degli uomini più ricchi degli States e tra i principali collezionisti d’arte al mondo, considerato dal critico d’arte Francesco Bonami ”intimo amico di Warhol, con il quale – si legge sul sito web dell’Ansa – ha condiviso gli anni artisticamente e culturalmente più vivaci della New York degli anni ’60 e ’70”.

Non a caso tra i suoi primi acquisiti figura proprio la ormai celebre Campbell’s Soup, una delle opere simbolo della Pop Art. Ma a Roma ci saranno anche altre opere note al grande pubblico, come ad esempio i ritratti dedicati a Marilyn Monroe o, ancora, le Brillo Box e i primi Flowers.

La mostra itinerante è stata curata proprio da Brant e Bonami. Propongono al pubblico una carrellata di opere che ripercorre tutta l’evoluzione artistica di Wahrol, dalle prime illustrazioni sulle principali riviste degli anni ’50, passando per una Liz Taylor datata 1963, per i dipinti dei francobolli e fino a Mao Tse Tung o a quella serie di teschi (Skulls) che testimoniano l’ossessione dell’artista per la morte.

Tra le “chicche”, da segnalare la Marlyn Monroe che presenta un foro di proiettile in testa: fu sparato da una donna nello studio di Warhol. Non meno interessante la serie dedicata alle Drag Queen di New York, oltre che la sala riservata interamente ai suoi scatti effettuati dall’artista con la polaroid nel jet set della Grande Mela.

Il percorso in fase di allestimento a Palazzo Cipolla termina con le opere realizzate nel 1986, anno precedente la sua morte: tra queste spicca una Last Supper dedicata al genio di Leonardo Da Vinci.

Insomma: queste poche “pennellate” dovrebbero essere più che sufficienti a convincervi a visitare questa mostra ormai prossima all’apertura nella Capitale. Tra tele, foto e sculture avrete la possibilità di effettuare un indimenticabile viaggio nella cultura a stelle e strisce della seconda metà del XX secolo, oltre che addentrarvi nel genio e nella follia del padre e re indiscusso della Pop Art.

La nostra dedicata al celebre artista statunitense promette scintille: a Milano, infatti, ha fatto registrare la bellezza di 225mila visitatori. La mostra su Wahrol in programma a Roma – lo ricordiamo – è a Palazzo Cipolla, in via del Corso, a meta strada fra Montecitorio e il Quirinale. Per visitarla c’è tempo fino al 28 settembre prossimo.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *