breaking news

A Prata Sannita il rito di Eostre per celebrare il risveglio della natura

aprile 1st, 2016 | by M.An.To
A Prata Sannita il rito di Eostre per celebrare il risveglio della natura
#Experience
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

La magia di un castello, di un fiume, di un vecchio mulino, dell’arte, della poesia, della musica, della danza. C’è tutto per dare il via ad un pomeriggio d’amore. Amore per la vita, per la natura, per gli esseri umani.

Al vecchio mulino di Prata Sannita, in provincia di Caserta, proprio ai confini con il Molise è tutto pronto per dare vita a “Eostre, tra le dee nessuna le è pari” una mostra d’arte contemporanea che avrà inizio sabato 2 aprile 2016 e proseguirà fino all’ 8 aprile.

Solo pochi giorni per approfittare di questo primo sole di primavera per visitare un luogo sconosciuto ai più ma che nasconde tesori davvero inestimabili.

Primi fra tutti le opere dei due artisti che esporranno, Vincenzo Amicone e Simona Materi. Il primo, pittore nato in Belgio ma residente in Molise che alle sue opere ha dato una caratterizzazione piuttosto particolare, riconoscibile nelle linee ondulate delle figure che rappresenta con colori sgargianti e che tanto richiamano l’esplosione dei colori della bella stagione. Le sue  favole su tela hanno calcato palcoscenici nazionali e internazionali. La seconda, una designer di gioielli unici, che esplora attraverso forme e colori epoche diverse  con gusto e raffinatezza, dando vita a vere e proprie opere d’arte che espone in tutto il mondo.

Musica, danza, poesia per la serata del vernissage del 2 aprile

E poi ci sono loro, gli artisti che si esibiranno nella serata del vernissage della mostra che insieme scriveranno un messaggio d’amore.

Vittorio Del Cioppo, pugliese trapiantato in Molise. Attore per passione e cantante per vocazione, ha ricoperto dell’arco della sua carriera artistica i ruoli più disparati, dal cameriere al camorrista, dal prete al venditore di bambini. Dal teatro trae ispirazione  il suo motto, che è “faccio solo quello che la passione mi suggerisce”.

Sergio Marchetta, scrittore, attore e poeta molisano. I suoi messaggi d’amore li manda attraverso note e versi, o forse solo attraverso suoni e voce, come ama definirli lui stesso. Con leggerezza ma anche profondità d’animo racconta quello che gli sale dal cuore, creando atmosfere di seduzione e complicità, forgiandole, come per magia, tra le mani di chi lo ascolta.

Gianni Spallone, professore di letteratura spagnola, saggista, scrittore. Con una amore viscerale per la Cultura, che racconta in maniera leggera e ironica, toccando temi (e mondi) che sembrano persi nel tempo ma che grazie a lui rimangono sempre attualissimi. Un professore che tutti avremmo voluto avere a scuola, per amarla un po’ di più.

Giuseppe Bocchino,  giornalista, scrittore e poeta campano. I suoi versi raggiungono una potenza espressiva formidabile che nei suoi versi racconta emozioni contrastanti in una sintesi che scopre gli strati profondi dell’animo provocando sensazioni di realismo, naturalezza, ma, al tempo stesso, di distaccata e indifferente leggerezza.

Rosanna Fanzo, pianista sannita dalle doti eccezionali. Oltre ad essere un’esperta di musicoterapia, una musicista conosciuta a livello nazionale e internazionale, è una delle 20 musiciste in Italia in grado di suonare la nyckelharpa, chiamata anche viola d’amore a chiavi, uno strumento antichissimo e che suonerà per gli ospiti, regalando atmosfere d’altri tempi.

Andrea Lorena Cianchetta, danzatrice isernina. Muove il suo corpo in maniera sinuosa e con rara grazia anche quando cammina semplicemente o chiede un caffè al bar. Ma non se ne accorge! La danza la sua passione più grande insieme alla musica, l’hanno portata in giro per l’Italia facendole acquisire partecipazioni e collaborazioni importanti come danzatrice e come coreografa.

Gennaro Petrecca, critico d’arte. Cresciuto in mezzo alle opere di inestimabile valore, non poteva che fare di questa sua passione un vero e proprio lavoro. Quindi il suo lavoro è anche il suo hobby preferito. È in grado di fiutare un talento a chilometri di distanza e nel suo Molise sta compiendo un vero e proprio miracolo: attraverso il suo spazio espositivo, a Isernia, sta facendo impazzire d’amore i molisani (e non solo)  per l’arte.

Eostre, tra le dee nessuna le è pari

E poi c’è lei, la divinità che ha reso possibile tutto questo:  Eostre, dea della fertilità. La festa di Ostara, di origine germanica celebra la rigenerazione della natura e la rinascita della vita. Le sacerdotesse della dea festeggiavano la divinità attraverso l’accensione di un cero e con i rituali ierogamici, durante i quali la rinascita della vita veniva esaltata e sacralizzata attraverso l’unione sessuale.

Tutto questo a Prata Sannita, un borgo meraviglioso che custodisce tesori incredibili: il castello, il convento di San Francesco  – che aprirà per questa speciale occasione  – dove si potranno ammirare mummie ancora perfettamente conservate, o la chiesa di San Pancrazio, con le maioliche realizzate dal ceramista Santillo Martinelli che accompagnerà il pubblico nel suo laboratorio.

E non finisce qui: perché prima del vernissage, oltre alle bellezze di Prata, gli ospiti potranno visitare la Cipresseta di Fontegreca, un meraviglioso parco con percorsi naturalistici che tolgono il fiato, cascate d’acqua limpida (e ghiacciata) e aree attrezzate per pic-nic. Un posto in cui (e di cui) innamorarsi è davvero facile.

L’evento è stato realizzato grazie al patrocinio del Comune di Prata Sannita, con la collaborazione di: Gruppo Archeologico Prata Sannita, I Love Matese (Fontegreca), FTLab, Spazio Cent80anta (Isernia), Spazio Arte Petrecca (Isernia), Associazione culturale Le Cose (Isernia), Ceramiche artistiche Santillo Martinelli (Prata Sannita). Un grazie speciale va a Officine Cromatiche (Isernia) e a Sigma Studio (Isernia).

Media Partner dell’iniziativa: Viaggiomania.it, Corrierecaserta.it e Molisedoc.it

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *