breaking news

“I giorni dello Zar” al Castello di Racconigi

gennaio 23rd, 2010 | by Red
“I giorni dello Zar” al Castello di Racconigi
Eventi
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

A Racconigi, cittadina in provincia di Cuneo, da 9 anni ormai, i visitatori del castello tornano indietro nel tempo grazie ad una affascinante rassegna che racconta la storica visita di Stato dello Zar di Russia Nicola II nel nostro Paese.
L’ evento già in corso dal 6 Dicembre 2009, terminerà il 21 Marzo 2010.

I turisti, potranno rivivere le fatidiche giornate dell’attesa dello Zar, quando si eseguivano gli ordini di ammodernamento e le istruzioni per il cerimoniale dettati dal Prefetto del Palazzo del Quirinale alla Real Casa, attraverso il telegrafo.
Tutto il Palazzo sarà in fermento, nel pieno dei preparativi e le cucine traboccheranno di alimenti che serviranno per preparare il regale banchetto che accoglierà, insieme ad altri festeggiamenti, il nobile ospite proveniente da terre lontane, fredde ed innevate, ansioso di trovare il sole caldo e gli agrumi profumati dell’Italia.
In quell’Ottobre del 1909, lo Zar, non trovò né agrumi e né tanto sole, ma una calda accoglienza di cui raccontò a sua madre attraverso numerose lettere.

Furono la firma del Trattato di Racconigi, la serata di gala, il banchetto a cui parteciparono personalità importanti e il magnifico concerto diretto dal Maestro Piero Mascagni a ricordare all’ospite che la sua fu una visita di rappresentanza, altrimenti tutto il resto avrebbe potuto far pensare ad una piacevole gita in campagna da trascorrere nella calorosa ospitalità del Re, della Regina, dei Principi e degli altri illustri ospiti.

Un viaggio meraviglioso tutto da vivere, ricco di emozioni e fascino, che immergerà gli ospiti in un’ atmosfera d’altri tempi, fatta di cerimoniali e scambi di onorificenze, di sontuosità e sfarzo, per ripercorrere la storia attraverso le imprese dei personaggi che ne hanno delineato i tratti essenziali.

Foto-www.pabaac.beniculturali.it/arteinmostra/inde…

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *