breaking news

Vacanze studio a Parigi e a Berlino

marzo 4th, 2011 | by M.An.To
Vacanze studio a Parigi e a Berlino
Studiare viaggiando
0
Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Elegante, affascinante, romantica di giorno e di notte: Parigi. Non bastano le parole per descrivere questa città a dir poco meravigliosa, di certo c’è che chi desidera studiare il francese non può recarsi altrove: un viaggio studio a Parigi può rivelarsi un’esperienza incredibile (e non solo per imparare la lingua).

“Paris vaut bien une messe!”, disse Enrico IV che, pur di essere incoronato re di Francia, si convertì al cattolicesimo nel lontano 1500. E non aveva affatto torto. È una città semplicemente incantevole, così come lo è la lingua francese, così musicale e raffinata. Sebbene non sia ai primi posti tra le lingue più parlate del mondo per numero di madrelingua, essa è la seconda per diffusione – dopo l’inglese – per numero di paesi in cui si parla ufficialmente. Ecco perché i corsi francese Parigi rappresentano anche un investimento per il futuro.
E allora un viaggio studio in Francia per adulti e ragazzi è una possibilità che si può cogliere con facilità. Di cose da fare e da vedere nella Ville Lumiere  ve ne sono un’infinità: dopo le lezioni in aula, basta mettere un piede in strada per vivere esperienze incredibili; Parigi ha un patrimonio di monumenti, chiese, musei e posti caratteristici eguagliabile – forse – solo a quello italiano. La differenza sta nella cura che i francesi hanno della loro immensa ricchezza (a differenza degli italiani che non sempre hanno saputo conservare ciò che di incredibile possiede il Bel Paese).
Tornado ai viaggi studio in Francia, Parigi non è solo la capitale degli innamorati ma anche della cultura, quella con la C maiuscola. Oltre ai siti turistici conosciuti ai più come la Torre Eiffel, il Museo del Louvre, l’Arco di Trionfo che domina gli Champs Elysées, Notre Dame de Paris, il Teatro dell’Opera ci sono un’infinità di altre cose da vedere: ad esempio, per avere un’idea dell’immensità della città al 56esimo piano della Torre di Montparnasse c’è un elegante ristorante (con un bellissimo pianoforte a coda da cui arrivano dolci e soavi note in sottofondo) e una lunga parete di vetro che offre un panorama mozzafiato: mentre gustate un bicchiere di champagne potrete ammirare, allo scoccare di ogni ora, lo scintillio delle mille luci di cui si colora la Tour Eiffel.
Se amate invece stare in mezzo alla gente, alla confusione e all’allegria il Quartiere Latino è quello che fa per voi. Con i suoi tanti ristorantini, i bistrò e i negozietti dove si possono fare acquisti a prezzi convenienti. Se volete invece un momento di assoluta pace e tranquillità non perdetevi una capatina alla Sainte Chapelle, ove è custodito uno dei chiodi della Croce Santa e la corona di spine di Gesù. Non dimenticate assolutamente di fare una passeggiata lungo la Senna e un gita sul Bateaux mouches. Ultimo suggerimento, non mancate una tappa bellissima: Montmartre, il quartiere maledetto dove nel 1800 si recavano gli artisti squattrinati in cerca di fortuna. Una collina sulla quale si erge maestosa la chiesa del Sacro Cuore e che ha visto scorrere la vita dei artisti come Picasso, Van Gogh e tanti altri.

C’è un’altra lingua che consente di crearsi un’opportunità professionale in diverse nazioni del mondo: il tedesco. Lo parlano oltre cento milioni di persone in tutto il pianeta e di sicuro è la lingua più parlata in Europa, forse più dell’inglese.  I corsi  tedesco sono ad oggi quelli più richiesti sul curriculum vitae.  E dove impararlo se non in Germania e in particolare a Berlino? Anche qui l’imperativo è multiculturalità, e trasformazione continua, quindi corsi tedesco Berlino per adulti e studenti possono regalare momenti di assoluto divertimento. E’ facile rimanere affascinati dalle tantissime opportunità che offre la capitale tedesca: una città che ha insegnato al mondo intero come cambiare il corso della propria storia. Ed è proprio il fascino della storia che porta a Berlino. Dopo la caduta del muro, i tedeschi hanno saputo far rifiorire la città che oggi pulsa di nuova linfa vitale. Non ci sono particolari monumenti a parte quelli simbolo della città – come ad esempio la Porta di Brandeburgo – non è meta per viaggi romantici, ma ogni angolo racconta il suo tormentato passato e la forza di un popolo che ha saputo rialzarsi. Il ritmo è veloce e frenetico, tipico delle grandi metropoli, la vita artistica è particolarmente viva e vibrante. Ciò che la rende attraente è questo eterno contrasto tra passato e presente, ma anche futuro, se vogliamo, perché estremamente proiettata in una dimensione avanguardistica.

Tra le tappe da non perdere c’è l’Alte Nationalgallerie – situata nella cosiddetta isola dei Musei – dove è presente una delle più vaste collezioni di opere d’arte del 19esimo secolo. E, dopo aver visitato quel che resta del Muro di Berlino, visitate il Mitte, il centro della città, la Potsdamer Platz , famosa perché ospita il Festival Internazionale del Cinema ma anche perché fu la piazza dove venne installato il primo semaforo del mondo. Se volete fare un po’ di shopping, bisogna necessariamente fare una capatina in Kurfürstendamm o lungo la Friedrichstrasse. Se invece volete guardare Berlino da tutt’altra prospettiva, meno a caotica e più rilassante, una gita in barca sul fiume Sprea è quello che fa per voi.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *