breaking news

A Stoccolma è il folletto dalla barba bianca che porta i doni

dicembre 28th, 2008 | by Red
A Stoccolma è il folletto dalla barba bianca che porta i doni
Vacanze giovani
2

Le feste Natalizie a Stoccolma sono l’occasione per riconfermare i legami familiari e per ravvivare le antiche tradizioni: per qualche giorno si vive all’antica. L’uso del pino natalizio risale al Settecento e i regali sono portati da un jultomte, piccolo folletto dalla barba bianca che corrisponde al nostro Babbo Natale.

Stoccolma è raggiungibile dall’Italia con voli della compagnia KLM e con alcuni voli low cost e molto ampia è l’offerta di ricettività alberghiera a partire da € 35. Il Natale diventa così occasione per visitare Stoccolma e i suoi monumenti come Gamla Stan (la città vecchia), la cattedrale, Kungliga Slottet (il palazzo reale), Riddarhuset (la casa dei Nobili), Stadshuset (il municipio), Skansen (il Museo all’aperto, con rico­struzioni di antichi edifici), Kung­stràdgàrden (la piazza, un tempo giardino reale) e il National museum, Moderna Museet, Vasavarvet (padiglione dove è esposta la nave da guerra Vasa del XVII secolo).
Nei dintorni c’è Drottningholms slott (il castello del XVII sec., una delle residenze della famiglia reale) e Skokloster (il castello tra i più antichi e importanti della Svezia). Infine per un tramonto mozzafiato si può andare in cima all’ascensore Katarina (Katarinahissen) dove si sale per 38 mt, si entra nel bar Gondolen e si gode di una vista spettacolare.

Le specialità culinarie di questa città sono il famoso Sntórgnsbord (tavola di tartine), insieme di antipasti presentato su una grande tavola: fette di aringa marinata al finocchio, filetti di pesci diversi carichi di spezie e variamente conditi, salmone affumicato o in gelatina, anguilla affumicata, strómming (tipo di piccola aringa del Baltico, sempre presente sulle tavole svedesi, che si mangia cotta al finocchio, alla griglia, marinata nell’aceto con cipolla, salata oppure affumicata); non mancano inoltre carne di renna affumicata, prosciutto affumicato al ginepro, insalate molto varie, piattini caldi (polpette di carne, cibi gratinati) e formaggi.
Le anguille, che si presentano, affumicate, cotte alla griglia, “al blu”, “al verde”, stufate o in gelatina. Pesci e crostacei sono presenti in grande quantità e in considerevoli varietà. Da assaggiare, in particolare, è il gravlax (salmone marinato servito con una salsa alla senape). Estremamente gustose, sono la zuppa di lardo e piselli secchi.
Un piatto molto ricercato è anche l’oca arrostita, guarnita di cavolo rosso o farcita di mele, di cetrioli o di prugne secche.

Per un’esperienza unica bisogna andare a bere qualcosa all’Ice Bar, il bar dove tutto è di ghiaccio, e come souvenir non possono mancare gli zoccoletti in ceramica porta fortuna.

2 Comments

  1. sara says:

    Stoccolma mi hanno detto, chi c’è stato, che è una città pulita, ci si diverte e non manca nulla. Un giorno ci andrò anch’io.

  2. ortis says:

    E’ vero le città nordiche hanno un fascino tutto particolare e vanno assolutamente visitate

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *